Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Vaccino, Figliuolo: «Dobbiamo raggiungere tutto il personale della scuola e gli adolescenti: entro luglio sarà coperto il 60% degli over 12»

Vaccino, Figliuolo: «Dobbiamo raggiungere tutto il personale della scuola e gli adolescenti: entro luglio sarà coperto il 60% degli over 12»
Vaccino, Figliuolo: «Dobbiamo raggiungere tutto il personale della scuola e gli adolescenti: entro luglio sarà coperto il 60% degli over 12»
3 Minuti di Lettura
Domenica 25 Luglio 2021, 14:21 - Ultimo aggiornamento: 26 Luglio, 19:04

Francesco Figliuolo indica dati confortanti della campagna vaccinale: «Abbiamo coperto il 55% della popolazione vaccinabile. Avevo detto che a fine luglio saremo stati al 60% degli over 12 e ci arriveremo sicuramente». Lo ha detto il commissario per l'emergenza a Susa per ricevere il premio "Penna al merito", sottolineando che la campagna sta proseguendo senza intoppi. «È chiaro - ha aggiunto - che tutto è subordinato all'arrivo dei vaccini, che giungono in maniera regolare in questo periodo, e al grande lavoro che si sta facendo con le regioni, le province, la Difesa, la Protezione Civile e il mondo delle associazioni». «C'è ancora un pezzo di strada da fare - ha concluso - siamo all'ultimo miglio».

Entro luglio vaccinato il 60% degli over 12

 

Dobbiamo «cominciare le vaccinazioni per tutto il personale che andrà a scuola, soprattutto i ragazzi dai 12 ai 18 anni. Ce la dobbiamo fare, le cose stanno andando». 

«Vaccinare i ragazzi è importante per due ragioni, perché sottraiamo persone che potrebbero ammalarsi, bloccando la circolazione del virus, che varia e contromanovra a seconda di ciò che facciamo. Se vogliamo bloccare le mutazioni, come la variante Delta, bisogna avere quante più persone possibili vaccinate e i giovani, che socializzano molto, possono portare in maniera asintomatica o poco sintomatica il virus in giro e magari attaccare frange di popolazione fragili che ad esempio per motivi sanitari non possono farsi il vaccino».

© RIPRODUZIONE RISERVATA