Bar, cinema, palestre e ristoranti verso riapertura dal 20: verifica a metà mese in base ai dati

Riaperture, pressing delle Regioni per bar, ristoranti e piscine: verifica a metà mese in base ai dati
Riaperture, pressing delle Regioni per bar, ristoranti e piscine: verifica a metà mese in base ai dati
di Marco Conti
4 Minuti di Lettura
Lunedì 5 Aprile 2021, 20:46 - Ultimo aggiornamento: 6 Aprile, 10:23

Dal pressing per avere vaccini al pressing per le riaperture. Anche i presidenti di regione, e non solo Matteo Salvini come sostiene il sottosegretario Benedetto Della Vedova, «sono in piena «trance agonistica» e fanno a gara a chi è più aperturista. Invocano, nel giorno di Pasquetta, riaperture «ovunque i dati medici lo permettano» «ascoltando la scienza», nel giorno in cui aumentano i ricoverati in terapia intensiva e continuiamo ad avere in Europa il record di decessi.

Eppure c’è chi sostiene, come il presidente della Basilicata Vito Bardi, che giovedì le Regioni incontreranno - a distanza - Mario Draghi per discutere di riaperture. In realtà l’incontro ha un altro punto all’ordine del giorno: dove e come saranno spesi i denari del Recovery Plan. Tema che dovrebbe interessare soprattutto i governatori che hanno ancora qualche anno davanti di mandato. Ma tant’è, c’è il pressing per riaprire e quindi la cabina di regia per qualche “governatore” va convocata ad horas con un solo punto all’ordine del giorno: quando si potrà andare al ristorante o al cinema. Poiché a palazzo Chigi non c’è ancora la palla di vetro, in serata arriva la precisazione che frena gli entusiasmi: «La cabina di regia non è stata al momento convocata né sono state definite date».

Ristoranti, palestre, piscine, parrucchieri e cinema: cosa cambia dal 20 aprile (se i dati lo consentono)

Zona rossa, ipotesi lockdown a Palermo. In Sicilia casi sotto quota mille, ma oltre metà sono nel capoluogo

Non solo, si ribadisce che, come accade da mesi, «il quadro epidemiologico è costantemente monitorato. Ed è sulla base dei dati elaborati settimanalmente dall’Iss, Dg Prevenzione e Regioni che verrà valutata la situazione sulla diffusione del contagio e sulle misure e i tempi necessari».

Covid Italia, bollettino oggi 5 aprile: 10.680 contagi (in Lombardia 1.358) e 296 morti, più terapie intensive e ricoveri

Non è quindi il caso di precipitare gli eventi anche perché, come ribadito dall’ultimo decreto, se i dati lo consentiranno si cambieranno anche le restrizioni in apposito consiglio dei ministri che però difficilmente verrà convocato prima di metà mese. In settimana si terrà la conferenza Stato-Regioni ma senza Draghi e con la ministra Mariastella Gelmini e sicuramente le regioni torneranno alla carica. Per ora, si comprende da ciò che trapela da Palazzo Chigi, si resta al meccanismo dei due colori, arancione e rosso, e stabilire in settimana chi potrà riaprire e dove, dopo il 20 aprile, risulta operazione da veggenti anche se locali pubblici, ristoranti, palestre, cinema e teatri saranno i possibili beneficiari di una drastica riduzione dei contagi che però ancora - purtroppo - non si registra.

La Campania, per esempio, resterà in zona rossa sino al 20 aprile, la Lombardia sino all’11. Lazio e Veneto sono arancioni ma con un indice Rt ancora elevato e che non permette di ipotizzare altre riaperture. Per poter fare qualche ragionamento occorre quindi attendere la prossima settimana e dal 12 al 18 di aprile, se i dati lo permetteranno, si potranno ipotizzare aperture dopo il weekend del 25. Non a caso il sottosegretario Sileri qualche giorno fa rimandava tutto al mese di maggio, quando «molte regioni saranno gialle e molte bianche».

Zona arancione, «aperture dal 20 aprile». Regioni in pressing sul governo: migliorano i dati, priorità palestre

Poiché nel governo non ci sono ministri che pensano di lucrare consensi con le chiusure, a dettare le scelte è la linea della prudenza e della cautela che Mario Draghi segue con un certo scrupolo proprio per non compromettere anche la campagna vaccinale. Del possibile incontro con Draghi annunciato da Salvini per discutere delle riaperture, non c’è traccia anche se è sempre possibile che possa avvenire in settimana. Ciò che invece resta certo è la valutazione che, come accade da mesi, verrà fatta venerdì sull’andamento dei contagi e che potrebbe portare a passaggi dal rosso all’arancione, e viceversa, di alcune regioni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA