Vallefoglia, chiede mazzetta all'imprenditore:
Ispettore arrestato con i soldi in mano

Chiede una mazzetta
all'imprenditore: ispettore
arrestato coi soldi in mano
di Gianlcua Murgia
VALLEFOGLIA - In veste di ispettore per un’azienda metrologica, accreditata presso l’Agenzia delle Dogane, aveva chiesto una mazzetta di 2.000 euro per chiudere un occhio su una presunta irregolarità fiscale. Per questo K. S., 24 anni, origini albanesi ma da tempo residente nella zona, è stato arrestato dai carabinieri el Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Fano e della stazione di Colli al Metauro. A incastrarlo, dimostrando rigore, senso civico e della giustizia, il titolare dell’azienda metalmeccanica, che ha sede principale a Colli al Metauro e opera nel settore dell’alluminio, allertato dal direttore del distaccamento di Vallefoglia, la fabbrica finita nel mirino del l’incaricato dell’Agenzia delle Dogane.

I fatti risalgono a inizio giugno e, a scanso di equivoci, l’Agenzia delle Dogane non ha a nulla a che fare con l’operatore. K.S. è stato fermato subito dopo aver intascato la busta contendente 2.000 euro, preparata in accordo con i carabinieri dal dirigente stesso dell’azienda.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
Scopri la promo
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 25 Giugno 2019, 11:12 - Ultimo aggiornamento: 11:12