Urbino, mille iscritti alla Straducale grande festa dello sport. Ecco tutti i ciclisti premiati

Lunedì 21 Giugno 2021 di Beatrice Giannotti
I partecipanti alla Straducale di Urbino

URBINO - Una Straducale partecipata e sicura quella che si è tenuta ieri a Urbino. Mille iscritti e ottocento partenti, partenza e arrivo sotto i torricini per gli appassionati delle due ruote provenienti da tutta Italia. Decine i team che hanno colorato le strade delle colline dell’entroterra urbinate.

 

Le squadre più numerose
Tra le squadre più numerose: Asd Ciclismo Montecchio con 38 partecipanti, Dt Racing Team SC con 22, la Certolese con 21, Asd Giuliodori Renzo con 18, V & V Cicli Matteo i Asd con 19. Circa 450 partecipanti hanno scelto di correre il percorso corto (85 chilometri con dislivello di 1.130 metri) che da Montesoffio è passato per i Gualdi, poi per il Peglio, Urbania, Abbadia di Naro e Piobbico, con ritorno da Urbania.

I restanti hanno invece scelto il percorso lungo (125 chilometri con dislivello di 1.850 metri): da Piobbico hanno allungato alla volta di Secchiano per Serravalle di Carda, per poi giungere all’arrivo ripassando da Piobbico. Una gran voglia di correre, già dimostrata dalle centinaia di iscrizioni arrivate nelle ultime due settimane. Voglia di correre ribadita già dei primi chilometri dopo la partenza quando, nonostante si debba procedere a velocità controllata, i primi in griglia hanno subito dimostrato di voler volare. Un’edizione in anticipo rispetto alla scaletta: il primo arrivato del percorso corto ci ha impiegato 2 ore, 6 minuti e 50 secondi.

Ecco tutti i premiati. Podio maschile percorso corto: 1° Luca Fantozzi, 2° Gregory Bianchi, 3° Christian Pazzini; podio femminile percorso corto: 1° Michela Gorini, 2° Elisa Dellarosa, 3° Lavinia Palazzo; podio maschile percorso lungo: 1° Ettore Carlini, 2° Igor Zanetti, 3° Giulio Scaia; podio femminile percorso lungo: 1° Federica Giacometti, 2° Sofia Guidi, 3° Federica Figliola.

La soddisfazione degli organizzatori
«Edizione stupenda, è andato tutto benissimo. La voglia di ripartire ha prevalso. I ciclisti si sono divertiti complimentandosi con l’organizzazione - dice Michele Pompili, presidente dell’associazione ciclo Ducale che organizza la gara - Un sentito ringraziamento ai membri della Ciclo Ducale, che anche quest’anno sono riusciti a organizzare una grande edizione. Fondamentale la collaborazione con l’amministrazione comunale e con i tanti volontari. Siamo pronti a metterci al lavoro per l’edizione 2022, per cui abbiamo già in serbo grandi novità».

Lungo i percorsi è andato tutto bene (solo 3-4 cadute che hanno causato qualche escoriazione) mentre qualche partecipante che ha tirato troppo ha necessitato un supporto per rientrare a Urbino. Prima della partenza è stato consegnato il premio Raniero Giannotti a Davide Tonucci, ex professionista, grande ciclista, più volte vincitore della Straducale, che ha seguito tutta la gara del percorso corto in macchina con la moglie. Ha ricevuto una stampa d’arte dell’artista Giorgio Focarini.

La promessa locale è 29esima
I primi tre classificati delle diverse categorie hanno ricevuto trofei in plexiglass con altorilievo in bronzo, opera di Luca Polidori. Grande soddisfazione per l’urbinate Luca Giannotti, promessa della Ciclo Ducale, ventinovesimo assoluto. I punti ristoro disseminati lungo il percorso hanno funzionato bene, il pasta party seppur organizzato in monoporzioni ha permesso ai numerosi ciclisti di riprendersi dalle fatiche.

© RIPRODUZIONE RISERVATA