Nuova stretta del sindaco alla movida: "coprifuoco" per gli alcolici, anche in discoteca

Venerdì 19 Novembre 2021 di Eugenio Gulini
Brindisi a tempo per le notti ducali

URBINO - Nuova ordinanza con limite orario per la vendita e somministrazione di alcolici firmata dal sindaco di Urbino Maurizio Gambini che dispone il divieto di somministrare e vendita di bevande alcoliche e superalcoliche, anche da asporto, dalle 1,30 alle 6 nei giorni di venerdì, sabato e domenica. «L’abuso di alcol è la causa principale dei disagi e degli eccessi della vita notturna in città. Ho ritenuto necessario disporre un limite orario alla vendita e somministrazione di bevande alcoliche e superalcoliche – ha rimarcato il primo cittadino spiegando le motivazioni della decisione - con l’intento di arginare le conseguenze più gravi prima di tutto per la salute delle persone e poi per mantenere il decoro e la vivibilità urbana».

Scuola choc: «Ti ammazzo, ti taglio le gambe». Dopo le minacce al prof svuotano l'estintore: due studenti nei guai
 

 

«Faccio presente – continua Gambini - che questa misura si aggiunge al divieto previsto dal Regolamento di Polizia Urbana, già in vigore da tempo, di consumare, detenere e trasportare bevande alcoliche e superalcoliche al di fuori dei locali e loro pertinenze. Auspico che queste condizioni permettano di garantire il controllo della situazione ed evitare degenerazioni, consentendo anche agli esercenti di lavorare con maggiore tranquillità. Ovviamente continueremo a monitorare quanto accade e valuteremo come procedere in futuro». La misura sarà in vigore da oggi fino al 19 dicembre e sarà valida per tutti gli esercizi pubblici, compresi i circoli privati, del centro abitato e delle vie limitrofe alle mura del centro storico, ossia via Di Vittorio e la Strada Statale 73 bis dai collegi universitari alla rotatoria della Croce dei Missionari compresa. Per le attività di pubblico spettacolo (discoteche), invece, il divieto partirà dalle 3 fino alle 6 nei medesimi giorni. Il sindaco Maurizio Gambini, in questa nuova ordinanza, ha corretto il tiro applicando la restrizione alla tanto discussa discoteca Enjoy che, per pochi metri, non rientrava nei divieti delle precedenti disposizioni tanto è vero che fu sanzionata per ben due volte nel giro di poche ore. Quelle ammende non sono mai state applicate perchè la discoteca non rientrava nell’ordinanza di chiusura alle 1,30, «ma provvederemo a modificare l’ordinanza – disse il sindaco Gambini - prevedendo le chiusure in tutto il comune di Urbino e verrà applicata questa regola e la discoteca Enjoy assolutamente rientrerà in questa restrizione». 

Si sono ascoltati a metà i suggerimenti della missiva inviata al primo cittadino dal Coordinatore Confesercenti Zona di Urbino Roberto Borgiani, un protocollo di intesa sugli orari di chiusura dei pubblici esercizi tra Comune, esercenti ed associazioni di categoria e con una durata limitata (tre mesi). I punti che il Protocollo prevedeva sono “l’impegno, all’interno del centro storico di Urbino, a chiudere le attività dalle 2 alle 5 di tutti i giorni; l’impegno delle discoteche a chiudere dalle 3,30 alle 6; gli esercenti si impegnano a non somministrare alcolici dalle 2 i pubblici esercizi e dalle 3 le discoteche…». Il sindaco ha anticipato tutto di mezz’ora. Nessun limite per laboratori artigianali/alimentari per la somministrazione di alimenti. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA