Urbino, scritte ingiuriose contro
la bidella: il padre condannato a pagare

Giovedì 14 Febbraio 2019
URBINO - Le scritte offensive contro la bidella della scuola non sono «una goliardata» e i genitori degli allievi, colpevoli di aver vergato frasi offensive devono risarcirla. Simili comportamenti, infatti, ad avviso della Cassazione, indicano che «non vi è stata sufficiente educazione del figlio a concetti elementari quali quelli del rispetto del prossimo e dell’intima connessione tra i concetti di libertà e responsabilità». Gli “ermellini”, hanno respinto il ricorso di un padre condannato a risarcire una bidella alla quale il figlio minorenne aveva scritto una serie di parole offensive introducendosi furtivamente a scuola insieme ad altri i e prendendo di mira - armato di pennarello - la donna. © RIPRODUZIONE RISERVATA