Il presidente del comitato per la riapertura ripropone l’ala dismessa: «Ospedale di Urbino in affanno ma il Lanciarini resta un tabù»

Giovedì 14 Gennaio 2021 di Eugenio Gulini
Il presidente del comitato per la riapertura ripropone l’ala dismessa: «Ospedale di Urbino in affanno ma il Lanciarini resta un tabù»

URBINO  - Il dejà vu è sul punto di non ritorno. Il sindaco Gambini parla di «ospedale al limite» e propone, assieme ai sindaci dell’Unione Montana Alta Valle del Metauro, soluzioni per i pazienti positivi da «ospitare in strutture private ubicate in zona come Macerata Feltria» o, in alternativa, «anche Cagli, se non bastasse». Ci chiediamo con molta semplicità, perchè Sassocorvaro no? 

LEGGI ANCHE:

Coronavirus, altri 18 morti oggi nelle Marche. Il più giovane aveva 55 anni: 1753 vittime dall'inizio della pandemia / La mappa dei contagi in tempo reale

 


Il Comitato “Pro riapertura ospedale Lanciarini”, dopo le preoccupazioni dovute alla chiusura di Cardiologia-Rianimazione, la predisposizione di ulteriori 7 posti letto in Pediatria, no ai ricoveri in Medicina, lancia l’ennesimo grido d’allarme sul ritorno al passato nell’organizzare la sanità territoriale. Ora che Urbino è in completo affanno e pericolo il presidente del Comitato, Tiziano Cigni torna ad incalzare «la nuova Amministrazione regionale a mettere in atto, quanto prima, l’organizzazione territoriale degli ospedali». Non a caso coprivano tutto il territorio e avevano il sostegno di tutta la popolazione ma soprattutto la loro cura. Gli ospedali di zona arrivavano a coprire il 90% delle necessità e dove ciò non era possibile ci pensavano quelli provinciali e quello regionale. 


«Siamo consapevoli che riparare i danni delle vedute politiche degli ultimi 30/40 anni non è facile e occorre tempo ma si dia una scossa e una inversione – rimarca Tiziano Cigni - Siamo in un tempo che non si può guardare tanto per il sottile. Il Lanciarini, come altri, sono stati chiusi con la scusa che mancava la rianimazione: ora che Urbino ha chiuso la rianimazione cosa facciamo? Giusto trasferire quello che è possibile nei cosiddetti ospedali piccoli (ritenuti da tanti sapientoni pericolosi) ma questi sono stati abbandonati e ora?».

Il Comitato chiede, per l’ennesima volta, «sistemate il blocco superiore del Lanciarini. Ingabbiatelo, fate quello che volete ma una sola vita è molto più importante di discussioni inutili che portano solo ad allarmismi e allo stallo più completo. Quando usciremo dal coronavirus, purtroppo, non è dato sapere e continuare a non muoversi è deleterio. Si parta subito dal recuperare quelle strutture sanitarie che potrebbero ospitare diversi posti letto: il blocco superiore del Lanciarini è uno di questi. Ora che il Santa Maria della Misericordia di Urbino è in ginocchio (il pronto soccorso era già in affanno prima) come faremo? – si chiede il Comitato - Il richiamo al ricorso a luoghi come Macerata Feltria e Cagli è sintomatico. Non si può sempre sperare e aggrapparsi a frasi come “andrà tutto bene”.
Bisogna essere lungimiranti e prevenire. La politica, per il momento – conclude il Comitato - lasciamola da parte e facciamo un grosso sforzo per salvare il possibile anche perché la situazione non sembra andare per il meglio e dovremo sicuramente convivere con il covid-19». 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA