Il centro si fa bello grazie all’Unesco: 100mila euro per il giro dei torricini

Il centro si fa bello grazie all Unesco: 100mila euro per il giro dei torricini
Il centro si fa bello grazie all’Unesco: 100mila euro per il giro dei torricini
di Eugenio Gulini
4 Minuti di Lettura
Venerdì 27 Novembre 2020, 04:35

URBINO  - «Pochi giorni fa abbiamo avuto comunicazione da parte del Ministero – rimarca Massimo Guidi, vicesindaco, assessore all’Urbanistica e delega Unesco – di essere stati assegnatari di un finanziamento di 100mila euro dalla legge 77/2006 che finanzia progetti per i siti Unesco. A questi si aggiungeranno 22.700 euro del cofinanziamento comunale. Il progetto prevede la riqualificazione di tutto il percorso del giro dei torricini compresa la piazzetta di sosta che sta a metà di questo percorso. Intervento di grande importanza – continua Guidi - perchè nel cuore della città, in un punto eccezionale, sotto il massimo simbolo urbinate». Questo tratto collega l’inizio di corso Garibaldi con viale Salvalai.

LEGGI ANCHE:

Ospedale no Covid ma al Santa Croce si accende un altro focolaio: siamo al terzo caso

«E’ un finanziamento che va ad aggiungersi ai tanti, diversi che siamo riusciti ad ottenere con questa legge che ci ha consentito di realizzare progetti importanti come Pian del Monte con il rifacimento anche dei bagni pubblici appena inaugurati».


In corso di appalto le gare per quanto riguarda via Don Minzoni dove verrà fatto il marciapiede fino in cima Santa Lucia, piazzale Roma, collegandosi con i giardini di Pian del Monte. Appena iniziato il lavoro di un altro finanziamento a Borgo Mercatale con il rifacimento del marciapiede che da questo sito va verso i Collegi e poi si proseguirà con il ripristino eliminando l’asfalto e riposizionando i selci fuori Porta Valbona, dove sono anche previste delle segnaletiche turistiche per dare indicazioni su quell’area. «Un plauso va agli uffici - continua il vicesindaco -. Continueremo a guardare al Centro Storico per riqualificarlo – conclude Guidi - cercando di attingere a tutti i finanziamenti possibili: in questi ultimi quattro anni abbiamo sempre ottenuto erogazioni, addirittura un anno anche su due progetti cosa abbastanza rara». 


«Posso esprimere grande soddisfazione perché l’obiettivo di questa amministrazione è ridare il decoro che serve alla città per presentarsi in modo adeguato – aggiunge il sindaco Maurizio Gambini - Questa scaletta che andremo a restaurare, che va dai piedi dei Torricini all’ingresso di Palazzo Ducale, mi stava nel cuore da quando mi sono insediato come primo cittadino. Con risorse comunali ristruttureremo anche 3/4 archi. Stiamo intervenendo su tutta la città. Questi giorni stiamo facendo un lavoro al Pincio di riqualificazione del verde ma soprattutto di sistemazione dei muretti di contenimento. I cittadini se vogliono fare una passeggiata si renderanno conto di come si operava prima e di come si opera ora». 


«Vicino al Teatro c’è una gettata in cemento indegna per una città come quella di Urbino. Ho detto ai nostri uffici - rimarca Gambin - di lasciare quell’elemento come elemento di valutazione di come si stanno facendo oggi gli interventi contrariamente al passato. Siamo un’Amministrazione senza dirigenza, le posizioni organizzative stanno dimostrando di essere capaci di poter fare lo stesso lavoro con un costo che è tre volte in meno. Questo è un elemento di valutazione significativo. Quale segno lascerà questa amministrazione? Mantenere il patrimonio che abbiamo, sarà l’economia del futuro di Urbino». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA