Esce all'alba e lascia lettera di scuse nell'auto
poi Maria Grazia si lascia volare dal ponte

Esce all'alba e lascia lettera di scuse nell'auto
poi Maria Grazia si lascia volare dal ponte
URBANIA - Manette e suicidi, interrogatori e lacrime. Dolore e sconcerto. Storia con effetti pesanti e drammatici: solo pochi giorni fa il marito, Renato Dini, 49 anni, funzionario pubblico dell'Unione Montana Alta Valle del Metauro, era stato arrestato dalla Guardia di finanza in quella che era stata chiamata loperazione «Appalti di famiglia». Da mettere a fuoco un presunto giro di appalti pilotati, in cui era indagata per induzione indebita e turbativa d'asta la stessa consorte del funzionario ed anche alcuni alcuni imprenditori.

Una notizia che in questi giorni aveva scosso l'intero comprensorio e ancora di più lei, la moglie. La scorsa notte Maria Grazia Faggiolini, 45 anni, è crollata e in preda alla disperazione si è lanciata da un ponte ad Urbani morendo sul colpo dopo un volo di trenta metri.

Il suo corpo l'hanno trovato i carabinieri, che già dalle prime ore di ieri avevano cominciato a cercarla dopo la denuncia di scomparsa che avevano fatto i familiari. Ore drammatiche con il passare del tempo che lasciava presagire al peggio.  In un primo momento è stata rinvenuta la sua auto, dove all'interno c'era una lettera scritta a mano, in cui chiedeva scusa, facendo riferimento all'inchiesta.

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
Scopri la promo
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 9 Ottobre 2018, 03:55 - Ultimo aggiornamento: 19:04