Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Polmoni compromessi dal Covid: eliambulanza fino a Roma per salvare il 60enne con una cura innovativa

Pesaro, polmoni compromessi dal Covid: eliambulanza fino a Roma per salvare il 60enne con una cura innovativa
Pesaro, polmoni compromessi dal Covid: eliambulanza fino a Roma per salvare il 60enne con una cura innovativa
di Luigi Benelli
3 Minuti di Lettura
Venerdì 2 Aprile 2021, 03:15 - Ultimo aggiornamento: 15:21

PESARO - Un pesarese di 60 anni con i polmoni compromessi dal covid. Il volo in elicottero a Roma dove al Policlinico Universitario Campus Bio-Medico è stato trattato con una tecnica innovativa: l’ossigenazione extracorporea.

Si tratta di un trattamento che supporta le funzioni vitali mediante circolazione extracorporea, aumentando l’ossigenazione del sangue, riducendo i valori ematici di anidride carbonica, incrementando la gittata cardiaca ed agendo sulla temperatura corporea. Il pesarese è atterrato alle 12.35 di mercoledì, direttamente sull’elisuperficie del Policlinico Universitario Campus Bio-Medico di Roma, a bordo di un elisoccorso Pegaso 133 della Regione Lazio, proveniente da Pesaro. Il sessantenne era in condizioni gravissime a causa del Covid-19 che ha compromesso in maniera così massiva l’attività polmonare da rendere necessario il trattamento salvavita in ossigenazione extracorporea che vede nel Campus Bio-Medico un centro di riferimento. Dopo le cure resta grave, ma è stabile. Estremamente veloci – connesse all’evoluzione delle condizioni cliniche del paziente – le attività di contatto della Centrale della Protezione Civile per trasferire in un centro attrezzato per attività ad alta complessità come la terapia di ossigenazione extracorporea ecls/ecmo il pesarese, già in terapia intensiva e bisognoso di contestuali altri trattamenti emodialitici. Il Policlinico Universitario Campus Bio-Medico, all’interno della rete assistenziale della Regione Lazio, lungo l’intero corso della pandemia, ha già accolto altri pazienti provenienti da altre regioni. «Abbiamo nove posti letto dedicati alla terapia di ossigenazione extracorporea al Campus Covid Center – sottolinea il professor Felice Eugenio Agrò, Direttore Anestesia e Rianimazione del Policlinico Universitario Campus Bio-Medico - per la gestione dei casi più critici che necessitano, semmai, anche di altri trattamenti contestuali come l’emodialisi. Malgrado le condizioni estremamente critiche, faremo di tutto per curare la persona arrivata oiggi. In passato, casi che sembravano senza speranza, hanno poi imboccato la via della guarigione. Ovviamente, ogni persona fa storia a sé»

© RIPRODUZIONE RISERVATA