Lupo catturato da un laccio vicino alla pista del Dottore: i volontari lo salvano e lo battezzano Valentino Rossi

Giovedì 30 Aprile 2020
Tavullia, lupo catturato da un laccio vicino alla pista del Dottore: i volontari lo salvano e lo battezzano Valentino Rossi

TAVULLIA - Un giovane lupo è rimasto prigioniero di una trappola illegale a Tavullia, in un terreno del totalmente incolpevole Valentino Rossi. I volontari lo hanno liberato dal laccio e portato in un centro per la cura degli animali, battezzandolo anche con il nome del campione di Tavullia.

LEGGI ANCHE:
Coronavirus, ecco la Fase 2 in spiaggia nelle Marche: così si può fare e cosa no da lunedì

Ombrelloni a 5 metri, niente sport, addio feste e distanziamento anche in acqua: le regole per aprire le spiagge delle Marche

"Il povero animale - si legge in una nota della Lac - si trovava riverso su un fianco, addossato alla recinzione della proprietà, dove il pluricampione di motociclismo ha realizzato un campo di motocross per gli allenamenti. Il lupo è stato soccorso e recuperato dal personale e dai volontari del CRAS di Pesaro, che lo hanno portato al Centro di Tutela della Fauna Selvatica di Monte Adone, a Sasso Marconi (BO), dove verrà curato, in quanto, per liberarsi dal laccio, si è procurato delle gravi lesioni al basso ventre. In onore a Rossi, che ovviamente non ha alcuna responsabilità sull’accaduto, il lupo è stato battezzato: Lupo Valentino! Ancora una volta però ci vediamo costretti a dover condannare l’ennesimo vile atto di bracconaggio nei confronti di un lupo e sempre nel pesarese"