In spiaggia quest'anno c'è posto anche per i turisti, firmata la pace tra concessionari e albergatori: ombrelloni riservati

Venerdì 20 Maggio 2022 di Massimo Foghetti
Concessionari di spiaggia e albergatori con al centro l'assessore Etienn Lucarelli

FANO - Pace fatta tra bagnini e albergatori, con i buoni auspici dell’assessore al turismo Etienn Lucarelli, per quanto riguarda la disponibilità degli ombrelloni ai clienti delle strutture ricettive, in passato oggetto di non poche rimostranze per la reticenza di alcuni di riservare con esito incerto parte delle attrezzature in un momento di grande difficoltà come quello creato dal dilagare della pandemia.

 

 

La protezione delle scogliere
Ora che il numero dei contagi appare ridimensionato è stato più facile trovare accordo e collaborazione. Quindi, ieri, oltre a una splendida giornata di sole, vigeva un clima oltremodo sereno ai Bagni Sergio, dove Luciano Cecchini, presidente degli albergatori, e Mauro Mandolini, in rappresentanza dei concessionari di spiaggia, si sono stretti la mano assicurando a tutti i turisti ottimi posti e ottimi servizi.

I bagnini si tutte le spiagge si sono impegnati a riservare, ciascuno con le proprie disponibilità una quota parte della propria dotazione di ombrelloni ai clienti degli alberghi. In linea di massima il 60 per cento è stato riservato agli stagionali che rappresentano lo zoccolo duro della clientela più fidelizzata che rinnova il suo rapporto con lo stesso bagnino anno dopo ano; l’altro 40 per cento e forse anche meno, viene lasciato libero per i giornalieri, categoria in cui rientrano anche i clienti degli alberghi, quindi di posto ce n’è per tutti.

Grazie alle scogliere che ormai tutelano, salvo piccoli varchi nei pressi della diga foranea e davanti alla pista dei go kart, tutto il litorale dalla foce del Metauro al porto, le spiagge sono state abbastanza protette e il numero degli ombrelloni quest’anno non appare abbia sofferto come in passato. In più la Regione ha concesso per coloro che continueranno a dotare ogni ombrellone di un’area di rispetto di 10,5 metri quadri di utilizzare in caso di necessità anche le aree gioco e volendo 12 metri di spiaggia libera confinante con quella in concessione.

Accordo per i turisti che sbarcano ad Ancona
«Tra l’altro – ha evidenziato Luciano Cecchini – abbiamo stabilito un accordo con unagenzia che lavora con clienti esteri di ospitare i turisti che sbarcheranno nel porto di Ancona per 1 o 2 giorni nel nostro territorio, facendo loro conoscere la bellezza del nostro mare o portandoli a visitare le attrattive dell’entroterra». Non tutto però è rose e fiori. Il problema della carenza dei parcheggi unito a quello della viabilità costituisce una spina al fianco delle imprese sulle quali si riversano le lamentele dei turisti. Raggiungere la spiaggia in macchina è infatti diventato un problema; se è superabile per chi risiede a Fano che può muoversi a piedi o in bicicletta, lo è di meno per chi proviene da fuori città; ecco perché viene richiesto insistentemente un servizio di bus navetta che colleghi almeno i parcheggi cosiddetti scambiatori.

Riserve per il cantiere Wider
In fase avanzata invece è un accordo tra Comune e taxisti per l’applicazione di tariffe speciali sugli spostamenti tra Fano e Fano Sud. Ma quello che solleva più rimostranze è la previsione del grande cantiere proposto dalla Wider nell’area portuale per un altezza di 24 metri: una massa ingombrante che rischia di caratterizzare in maniera non molto positiva l’immagine del litorale fanese.

© RIPRODUZIONE RISERVATA