C'è poco tartufo bianco per la siccità, i produttori: «Speriamo nelle piogge». Prima fiera ad Apecchio, oggi il clou

C'è poco tartufo bianco per la siccità: la stagione parte a singhiozzo. I produttori: «Speriamo nelle piogge». Nella foto l'inaugurazione della mostra mercato del tartufo di Apecchio
C'è poco tartufo bianco per la siccità: la stagione parte a singhiozzo. I produttori: «Speriamo nelle piogge». Nella foto l'inaugurazione della mostra mercato del tartufo di Apecchio
di Marco Spadola
4 Minuti di Lettura
Domenica 2 Ottobre 2022, 04:25 - Ultimo aggiornamento: 3 Ottobre, 08:24

APECCHIO - E’ scattata nelle Marche la stagione delle fiere dedicate al diamante della terra. Ad Apecchio oggi è la giornata clou della 40esima mostra mercato del tartufo. Nella capitale marchigiana dell’alogastronomia protagonista l’accoppiata vincente tartufo e birra, all’interno di una manifestazione con tante iniziative: dal trekking tra bosco e borgo alle degustazioni, con stand e cantine.

Re Tartufo il cantante Red Canzian

Oggi sarà incoronato ‘Re Tartufo’ 2022 il cantante Red Canzian, musicista già voce dei Pooh, ma anche produttore discografico e polistrumentista. Alle 18,30 salirà sul palco principale di via Garibaldi per il suo ‘Stasera non sono solo in tour”, che chiuderà la kermesse. 

Piccole pezzature, prezzi alti

Se la mostra mercato è partita nel migliore dei modi, non si può dire lo stesso per la stagione del tartufo: «Ce n’è davvero poco – spiega Rossano Isidori, commerciante di tartufi di Pergola – la stagione è iniziata a singhiozzo, molto ha influito la siccità dei mesi scorsi. Con ogni probabilità la situazione migliorerà, ma al momento si trova poco nero e qualcosa di bianco. Per i prezzi, per quest’ultimo andiamo dai 1500 al chilo, per un prodotto piccolo, agli oltre 3.000. Il nero parte dai 600-700 euro al chilo. Questa è la fotografia attuale, ma i prezzi cambiano velocemente». Conferma dell’avvio negativo arriva anche dal cercatore Giorgio Remedial: «Male male, quasi dappertutto. Stiamo pagando caldo e siccità. Può darsi che le piogge dell’ultimo periodo influiranno positivamente, perlomeno lo speriamo. Si trova un po’ di nero uncinato e anche qualcosa di bianco ma ancora piccolino. La qualità è buona, mediamente profumato».

Annullata la manifestazione di Pergola

Non si terrà, invece, la Fiera del tartufo bianco pregiato di Pergola, per l’alluvione che ha colpito gravemente la città. Ad Apecchio, oltre alla sindaca Simona Guidarelli per l’inaugurazione, sono presenti dei produttori, grazie all’accordo tra amministrazioni. «Nei giorni scorsi – spiega l’assessore Sabrina Santelli - abbiamo informato i nostri produttori dell’opportunità, su cui abbiamo lavorato da subito, di partecipare gratuitamente alle altre fiere del tartufo. Così potranno vendere e recuperare parte dei mancati incassi. Partecipare significa, oltre ad avere un’opportunità economica anche rafforzare l’immagine della nostra Fiera che si rende visibile anche se annullata». L’amministrazione si sta confrontando con gli organizzatori delle prossime fiere delle Marche e non solo: Sant’Angelo in Vado (8-9-15-16-22-23 ottobre), Acqualagna (23-29-30-31 ottobre, 1-5-6-12-13 novembre), Amandola, Capolona e Roma. 

Gli operatori ospitati in altri comuni

«Diversi Comuni ci stanno dando disponibilità. Nei prossimi giorni la comunicheremo ai produttori. Ai sindaci va un grande ringraziamento per la solidarietà dimostrata, così come alla Bcc di Pergola Corinaldo. Partner dell’operazione Confcommercio con il suo direttore Amerigo Varotti, e Camera di Commercio con il presidente Gino Sabatini che ne hanno riconosciuto subito la bontà. Abbiamo ricevuto solidarietà e aiuto per una raccolta di fondi anche dall’associazione Città del tartufo di cui Pergola fa parte. In momenti difficili come questo nascono le idee migliori e opportunità da cogliere».

© RIPRODUZIONE RISERVATA