Serra Sant'Abbondio, gli rubano
i segugi da caccia: «Ma erano vecchi»

Gli rubano i preziosi segugi
per la caccia alla lepre:
«Strano, ormai erano vecchi»
SERRA SANT'ABBONDIO – Brutto furto l'altra notte nel serrano. In una casa vicino al cimitero, malviventi hanno rubato due segugi di colore marrone a pelo raso specializzati nella caccia alla lepre. Un furto anomalo, le due bestie, fratello e sorella, hanno 11 anni e sono dunque piuttosto anziane, subito riferito ai Carabinieri Forestali del comando di Serra Sant'Abbondio. «Hanno semplicemente tagliato la rete del recinto dove teniamo i nostri cani – commenta Tiziano Brunori, il conduttore degli animali. Poi hanno tolto i collari identificativi che hanno abbandonati sul posto e se ne sono andati lasciando gli altri tre cani più giovani. Due che usiamo per la caccia a penna ed un cucciolo che stiamo addestrando per la cerca del tartufo». Un furto che lascia Gerardo Ilario Brunori, 82 anni, il padre di Tiziano avvilito. I due cani erano il suo vanto. Due veri e proprio fenomeni con cui andava a caccia con il suo amico Gilberto. «Che i due cani sono bravi, si sa – precisa Tiziano. Ma Mina e Fido sono piuttosto avanti negli anni e dunque è difficile per me capire quale è il vero scopo di questo furto».
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 15 Febbraio 2018, 05:15 - Ultimo aggiornamento: 15-02-2018 05:15

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO