Sassocorvaro, acchiappafantasmi
a "caccia" nella Rocca Ubaldinesca

Gli acchiappafantasmi
a "caccia" di spiriti
nella Rocca Ubaldinesca
SASSOCROVARO - Gli acchiappafantasmi 2.0 si chiamano Italia Paranormal Research, sono di Forlì e nella notte tra il 21 e 22 gennaio, dalle 9 alle 5 di mattina, andranno a caccia di spettri all’interno della Rocca Ubaldinesca di Sassocorvaro. Pro loco e sindaco hanno dato l’ok per l’esperimento.
«La leggenda non è parificabile a quella di Azzurrina nel Castello di Montebello di Rimini ma più di una persona negli anni avrebbe avvistato, all’interno della rocca, lo spirito di una donna morta brutalmente. Nel sopralluogo il nostro K2, rilevatore elettromagnetico, si è illuminato più volte» racconta il fondatore di Ipr Carmelo Paparone, da anni studioso ed esperto di paranormale. Il suo gruppo, nato lo scorso giugno e composto da sette persone più tre collaboratori esterni, a settembre aveva esaminato un altro posto della nostra provincia: l’ex convento di Sant’Angelo in Lizzola di Vallefoglia. «Lì abbiamo fotografato, con i nostri apparecchi, il presunto profilo di una bambina e registrato alcune voci. Fonti non ufficiali ci hanno raccontato che nel 1500 una delle suore era rimasta incinta e forse quella era sua figlia». Il gruppo produce contenuti video sul proprio canale youtube, utilizzati poi per conferenze e convegni. «I primi scettici siamo noi - avverte Paparone -, lavoriamo per smentire leggende e storie di fantasmi ma a volte i nostri rilevatori di ultravioletti e di campi elettrostatici, le analisi spettrali, le termocamere e i microfoni parabolici trovano qualcosa di inspiegabile». Al gruppo si aggiungerà Sabina Babura, ex concorrente di Masterchef 5 ma grande appassionata del settore. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 30 Novembre 2016, 23:25 - Ultimo aggiornamento: 30-11-2016 23:25

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO