Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Edifico disabitato pericolante dopo la scossa di terremoto, allarme dei vicini: chiusa la via

Edifico disabitato pericolante dopo la scossa di terremoto: chiusa la via
Edifico disabitato pericolante dopo la scossa di terremoto: chiusa la via
2 Minuti di Lettura
Martedì 2 Novembre 2021, 14:58 - Ultimo aggiornamento: 3 Novembre, 08:40

SAN COSTANZO – Edificio disabitato a rischio crollo dopo la scossa di terremoto. La polizia locale ha chiuso al traffico via Trento, all’interno delle antiche mura medievali di Cerasa. All’indomani della scossa sismica di Magnitudo 4.1 che ha avuto come epicentro Montefelcino, alcuni residenti della via hanno notato un rigonfiamento preoccupante di una casa a due piani con mansarda.

All’esito dei sopralluoghi è stata emessa un’ordinanza che ha istituito il divieto di transito. «Considerato che via Trento ha una conformazione che non permette il transito di autoveicoli ma è percorribile a piedi o con velocipedi e motocicli si è ritenuto opportuno chiudere al transito pedonale e veicolare il tratto di strada interessato, al fine di evitare potenziali situazioni di pericolo per la pubblica incolumità, in attesa di una verifica sullo stato dell’immobile», ha dichiarato Andrea Rovinelli, responsabile della polizia municipale di San Costanzo e Terre Roveresche.

© RIPRODUZIONE RISERVATA