Ricci con il turbo: «Le opere stradali confermate, se ne occuperà Pavimental. Senza gara saremo più veloci»

Ricci con il turbo: Le opere stradali confermate ,se ne occuperà Pavimental. Senza gara saremo più veloci»
Ricci con il turbo: Le opere stradali confermate ,se ne occuperà Pavimental. Senza gara saremo più veloci»
di Thomasi Delbianco
4 Minuti di Lettura
Domenica 31 Luglio 2022, 06:10

PESARO  - «Confermate tutte le opere accessorie, eccetto il raddoppio dell’interquartieri, congelata in attesa di trovare i finanziamenti. Non ci sarà nessuna gara per le strade, se ne occuperà Pavimental, andremo più veloci, forse anche per il secondo casello». Il sindaco di Pesaro Matteo Ricci non ha dubbi, dopo gli ultimi contatti con Società Autostrade. Non ci sono variazioni sul pacchetto di opere accessorie già comunicate, e l’aumento dei costi, riportati nella lettera della Direzione Generale del Ministero delle Infrastrutture (inviato con una raccomandata di Società Autostrade ai proprietari dei terreni da espropriare per la bretella di Santa Veneranda) fanno parte di un quadro economico che Aspi ha già assorbito da tempo. 

 
Il documento
Il documento, rispetto alla convenzione stipulata nel 2014 tra Comune, Provincia, Regione e Società Autostrade, con un importo di 74,7 milioni di euro, sposta l’importo a 96,6 milioni di euro lordi. Un quadro variato che la concessionaria, come detto, aveva già fatto proprio, e in base al quale ha inviato proprio negli ultimi giorni, un addendum alla convenzione, per stralciare dal pacchetto di opere il potenziamento dell’interquartieri annesso al quadro economico. Non ci sono altri rischi che saltino le opere a ovest, vedi bretella Gamba-Pica e potenziamento dell’Urbinate. E’ ciò ieri hanno voluto far sapere Ricci, così come Aspi, dopo la pubblicazione dei costi. Ma sui prossimi passaggi del pacchetto di opere ancora da avviare, eccetto quindi per la bretella di Muraglia, e per il secondo casello, che è stato inserito in un lotto a parte, ci sono aggiornamenti, che comunica lo stesso sindaco, in particolar modo sulla semplificazione delle procedure per far partire i cantieri.

«Tutte le opere sono confermate, tranne il raddoppio dell’interquartieri, che è temporaneamente congelata - dice il primo cittadino - in attesa di capire bene il valore degli espropri. Comunque sia, confidiamo di riuscire a finanziarle e di portare avanti anche quella, altrimenti cercheremo un altro finanziamento. Tutte le opere accessorie le farà Pavimental che è la società di scopo di Società Autostrade e possono affidare i lavori in house, questo ci consente di evitare la gara e andare avanti più velocemente. Per il casello si farà presumibilmente la gara, anche se sto insistendo con Società Autostrade per estendere il lavoro di Pavimental. Sullo svincolo però ancora non abbiamo la certezza, mentre sulle altre opere abbiamo la certezza di Pavimental».

A questo punto, in base a ciò che riferisce Ricci, anche nelle aree della futura circonvallazione di Santa Veneranda, che tra le opere del pacchetto da avviare, è quella più avanti, potrebbero prima del previsto vedersi le ruspe, in quanto non ci sarà bisogno di fare una gara. I picchetti dei terreni da espropriare si sono allargati verso nord e sono comparsi anche nella zona all’altezza del lavatoio, dove è prevista la realizzazione di una rotatoria. Inoltre, nella zona di strada Valle Castagni c’è già una recinzione con il nastro bianco e rosso collegata ad un cartello che indica la bonifica bellica. La bretella partirà all’altezza del lavatoio, come previsto nella parte a monte, per poi concludersi al bivio con via Del Rio. Sarà un primo stralcio, ma che consentirà di spostare il traffico pesante e non, dal centro abitato e da via Bonini. La seconda parte della circonvallazione, per andare a congiungersi con la rotatoria dell’interquartieri, dovrà tenere conto dell’iter del secondo casello, visto che si svilupperà con quell’infrastruttura. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA