Per la riqualificazione di piazza del Popolo il cantiere si farà in tre. Ecco quali saranno gli step dei lavori

Piazza del Popolo a Pesaro
Piazza del Popolo a Pesaro
di Thomas Delbianco
4 Minuti di Lettura
Domenica 3 Aprile 2022, 06:00

PESARO - Piazza del Popolo, cantiere in tre step, si partirà dal quadrante intorno alla fontana. «Il cuore della città resterà sempre accessibile e garantiremo tutti gli eventi estivi», assicura l’assessore al Fare, Riccardo Pozzi. E’ stato pubblicato in questi giorni da parte del Comune l’avviso di indagine di mercato, propedeutico alla gara d’appalto per affidare i lavori di straordinaria manutenzione della pavimentazione di piazza del Popolo. C’è tempo fino all’11 aprile per presentare le candidature delle ditte interessate, per un importo dei lavori di 467 mila euro, con consegna dei lavori entro la prima settimana di maggio. 

 
I tempi
La ditta che sarà scelta (la gara sarà al ribasso) dovrà terminare la riqualificazione in 200 giorni. C’è un passaggio chiave nell’avviso della gara, al punto 7, oltre alla descrizione dei lavori, il quale specifica che «avendo necessità di non chiudere Piazza del Popolo, ma di mantenerla agibile e fruibile per i veicoli e pedoni durante l’intera esecuzione dei lavori in questione, si è reso necessario ripartire la zona di intervento in tre aree di cantiere. I lavori dovranno essere eseguiti e completati in momenti differenti al fine di permettere l’organizzazione di eventi e manifestazioni e garantire altresì il transito dei mezzi per il carico e scarico a servizio delle attività commerciali». L’assessore al Fare Riccardo Pozzi fornisce alcune anticipazioni: «L’idea progettuale che avevamo pensato e che dovremo condividere nelle prossime settimane anche con attività e associazioni di categoria, prevede una suddivisione dell’intervento in più stralci. E’ intenzione nostra rendere la piazza sempre fruibile e accessibile. Teniamo conto che intorno alla piazza oltre alle attività, ci sono anche questura e prefettura. Andremo a suddividere l’intervento in modo tale da arrecare durante i lavori il minor disagio possibile. Partiremo con un primo intervento a ridosso della fontana, nel quadrante dell’illuminazione pubblica. Il cronoprogramma in linea di massima prevede di realizzare il primo stralcio nella fase pre estiva, per poi completare gli altri due step da fine estate in poi, indicativamente dopo il Rof». 


L’affidamento
Ma è un cronoprogramma, come ci tiene a sottolineare l’assessore, in fase ancora teorica, nel senso che potrebbe essere soggetto a variazioni dopo l’affidamento. Ecco il motivo: «Dovremo considerare che a partire da metà giugno piazza del Popolo sarà piena di eventi. C’è quindi un aspetto per noi inderogabile: da metà giugno per il resto del periodo estivo la piazza dovrà essere sempre libera. Per questo, quando avremo la ditta, ci sarà una valutazione e verifica per avere l’assoluta certezza che il primo stralcio verrà terminato prima che inizino gli eventi a metà giugno. Se così sarà, allora confermeremo il piano». La descrizione dei lavori nell’avviso indica che l’intervento prevede il rifacimento del manto in lastricato di pietra o selcio pesarese nelle parti dissestate della pavimentazione della Piazza con il materiale di recupero già posato previa rimozione dello stesso, cernita, pulizia dei cubetti e delle lastre di pietra e posa su letto di sabbia mista a cemento o con l’aggiunta di blocchetti di selcio-pietra dove mancanti o con la sostituzione di quelli non più recuperabili. Durante le fasi di rimozione verrà verificato che il sottofondo in calcestruzzo, se esistente, presenti le opportune pendenze trasversali necessarie per una corretta posa della pavimentazione lastricata. Qualora il sottofondo in calcestruzzo non sia presente si prevede la posa di materiali stabilizzati cementati posati con le opportune pendenze trasversali e longitudinali al fine di consentire la posa corretta della pavimentazione di finitura.


Nel dettaglio
Inoltre nelle parti di pietra dove è presente la sola scalfittura della sigillatura finale fra i vari elementi lapidei si procederà al ripristino della stessa con boiacca di cemento previa pulizia della pavimentazione esistente per eliminare le parti terrose, le formazioni di muschio e le parti incoerenti della sigillatura esistente. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA