Nuova fuga di medici dal pronto soccorso. Gnudi: «Al Ceccarini di Riccione il gruppo di Pesaro»

Sabato 28 Maggio 2022 di Lorenzo Furlani
Il pronto soccorso dell'ospedale di Pesaro

PESARO - L’aspetto confortante della notizia è che al pronto soccorso di Marche Nord lavorano ottime professionalità, quello negativo strettamente connesso è che continua la fuga dei medici dall’azienda ospedaliera e le difficoltà operative per la carenza di professionisti della medicina di urgenza sono destinate ad aumentare a danno potenzialmente della qualità delle prestazioni e delle esigenze di salute dei cittadini utenti. Un effetto possibile a breve, come portato della gestione aziendale del caso Gnudi, è il trasferimento in blocco di medici di Marche Nord al pronto soccorso dell’ospedale di Riccione per ricreare lì il gruppo di lavoro di Pesaro.

Vaiolo delle scimmie, primo caso sospetto nelle Marche: una mamma a Torrette, dimesso il figlioletto. Ecco dove erano stati
 
Infatti, due giorni fa si sono svolte le prove del concorso per l’assunzione a tempo indeterminato di professionisti di medicina e chirurgia d’accettazione e d’urgenza che l’Ausl di Romagna aveva bandito a marzo e 7 degli 8 candidati specializzati che le hanno sostenute provengono da Marche Nord (attualmente in servizio o dimessisi di recente). Tutti hanno superato a pie’ pari i test (scritto, pratico e orale) e già ieri hanno ricevuto l’offerta di assunzione dall’Ausl della Romagna a riprova della “fame” di medici di pronto soccorso. Tra questi professionisti c’è anche Umberto Gnudi, l’ex direttore del pronto soccorso di Marche Nord, che ha guidato il reparto di frontiera dell’azienda nei due anni clou dell’emergenza pandemica creando un gruppo di lavoro affiatato ed efficiente nonostante le gravissime difficoltà operative.

«La pec con la proposta di assunzione è arrivata a tutti il giorno dopo le prove - sottolinea Umberto Gnudi -; anche nei pronto soccorso della Romagna c’è un forte bisogno di medici specializzati. Abbiamo chiesto che il nostro gruppo venga destinato in blocco all’ospedale Ceccarini di Riccione mantenendo la coesione e l’affiatamento professionali che abbiamo raggiunto a Pesaro. Al pronto soccorso di Riccione ci sono solo 5 medici interni, i turni sono coperti con gli esterni e i medici del 118, quindi la nostra richiesta è fattibile». Di questi 7 medici da Marche Nord che hanno già il nuovo il contratto in tasca 4 sono attualmente inseriti nei turni (3 sono dimissionari) e la loro uscita provocherebbe un’ulteriore falla (l’organico all’osso ora è di 22 medici).

Dei 5 medici in servizio a Pesaro che a marzo avevano seguito l’esempio di Gnudi, dimessosi per il venir meno della fiducia nei suoi confronti dell’azienda ospedaliera che gli ha preferito Giancarlo Titolo come direttore facente funzioni (in attesa del concorso per primario), 2 hanno ritirato le dimissioni e non si sono presentati al concorso mentre ha sostenuto le prove anche una dottoressa ancora non dimissionaria in servizio a Fano. Tra quanti sono incerti se accettare il lavoro c’è lo stesso Gnudi, che senza entrare nei dettagli precisa di dover valutare anche altre opzioni, tra cui quelle di direttore per sedi più distanti da Pesaro. 


Al di là delle professionalità coinvolte, la nuova situazione che si determina a Marche Nord è la controprova di come l’emergenza del personale del pronto soccorso non sia stata gestita complessivamente nel modo ottimale, valorizzando le (poche) risorse disponibili, in risposta ai ripetuti appelli dell’ex direttore per affrontare con misure operative tempestive la carenza di medici già grave a fine 2021.

Ultimo aggiornamento: 29 Maggio, 09:40 © RIPRODUZIONE RISERVATA