Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Dopo la fine della relazione e perseguita di messaggi l’ex e il marito: arrestato

Dopo la fine della relazione e perseguita di messaggi l ex e il marito: arrestato
Dopo la fine della relazione e perseguita di messaggi l’ex e il marito: arrestato
di Luigi Benelli
4 Minuti di Lettura
Domenica 14 Agosto 2022, 06:20

PESARO  - Una storia clandestina, le minacce di divulgare dei video, la corsa verso Pesaro per vedere lei. Ma quello che doveva essere un incontro chiarificatore si è tramutato in tutt’altro, ovvero un arresto per stalking. Il protagonista è un 60enne della provincia di Pavia che l’altro giorno è sceso in auto dal suo paese per incontrare una pesarese di 48 anni, nota professionista, sposata a sua volta con un altrettanto noto professionista.

Lui voleva chiarire alcuni aspetti della loro relazione clandestina, terminata lo scorso gennaio. Una storia iniziata con dei messaggi amichevoli. I due infatti non erano degli sconosciuti ma si conoscevano dai tempi dell’università. Ma negli anni si erano persi di vista. Dopo che si erano ritrovati è nata una storia che ha avuto vita breve. 


Non rassegnarsi
Lei ha troncato la relazione, ma lui non si rassegnava. Anzi minacciava di divulgare dei video intimi. L’uomo avrebbe fatto delle ricerche online per trovare l’indirizzo di famiglia della ex. Così si è presentato all’improvviso sotto casa di lei ma della donna nessuna traccia. Si era allontanata per evitarlo subodorando il pressing. L’ex compagno d’università non si è arreso e ha iniziato a bombardarla di messaggi, in tutto una cinquantina nell’arco di poche ore, tra cui 32 messaggi vocali. Il contenuto sarebbe stato una escalation di richieste di vedersi condite da minacce. «Se non ti presenti, chiamo tuo marito e spiffero tutto».

Ma la donna non ha ceduto, anzi di fronte al ricatto del rivelare la relazione ha chiamato la polizia che in due occasioni si è presentata all’indirizzo suggerito e ha trovato l’uomo lì in attesa. Il 60enne alla fine è passato dalle parole ai fatti e ha chiamato il marito della donna che però ha rifiutato perentoriamente il confronto. Così anche per lui altri messaggi vocali e scritti a tambur battente. Non voleva saperne di andare via da sotto casa e da Pesaro. Di fronte ad altre minacce la donna ha chiamato la polizia che per la terza volta si è presentata all’indirizzo trovando ancora l’uomo.

Ma questa volta, di fronte alle minacce inviate e agli oltre 50 contatti telefonici, si è configurato il reato di atti persecutori e gli agenti hanno arrestato il 60enne di Pavia. Ieri mattina l’udienza di convalida con l’uomo difeso dall’avvocatessa Silvia Pierini. Il legale ha chiesto i termini a difesa per poter verificare il contenuto dei messaggi e delle telefonate. Lui ha fornito la sua versione, ovvero che l’incontro era stato voluto da entrambi e che la storia era ancora in corso, seppur in crisi. Inoltre sarebbe stata la donna a fornire l’indirizzo, accettando l’ultimo confronto. 


La convalida
Dunque ha sostenuto che non era finita da gennaio come sostiene la signora. Il giudice ha convalidato l’arresto ma non ha stabilito alcuna misura restrittiva per il 60enne, neppure il divieto di tornare nella provincia di Pesaro. Tutto è stato rinviato al 29 agosto quando il caso verrà definito con rito abbreviato. Il questore di Pesaro Raffaele Clemente ha comunque emesso un foglio di via obbligatorio dal Comune di Pesaro per tre anni per evitare che l’uomo possa tornare con intenti nocivi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA