Il Comune conferma il bonus per i centri estivi: una mano tesa per le famiglie in difficoltà

Martedì 19 Aprile 2022 di Thomas Delbianco
Il Comune conferma il bonus per i centri estivi: una mano tesa per le famiglie in difficoltà

PESARO  - Centri estivi 2022, torna il bonus. Da una parte ci sono gli asili nido estivi, con la lista dei plessi pubblicata di recente dall’Amministrazione comunale, davanti alla quale i consiglieri di opposizione hanno espresso riserve, soprattutto per la carenza di asili nella zona sud della città, ma l’assessore alle Politiche Educative Camilla Murgia ha mantenuto la posizione, sostenendo che sono state individuate le strutture più capienti, facilmente raggiungibili. Dall’altra ci sono le famiglie con i figli che frequentano scuole dell’infanzia, primarie o medie, che stanno valutando l’iscrizione per i figli al centro estivo subito dopo la chiusura delle scuole. 

 


In queste settimane non sono pochi i genitori che chiedono se il bonus comunale, che era stato aperto la scorsa estate, verrà replicato anche quest’anno per offrire un sostegno a quei nuclei che hanno i genitori impegnati ma che non possono affidarsi a familiari o ad appoggi esterni. Sul sito del Comune, a questo proposito, è stato pubblicato un avviso che va proprio in questa direzione, collegato ai contributi per le spese di frequenza dei centri estivi 2022 autorizzati. Contributo che può essere richiesto da famiglie con residenza nel Comune di Pesaro; Isee 2022 non superiore a 20.000 euro; figli in età compresa fra i 6 e 14 anni che hanno frequentato la scuola primaria o secondaria di primo grado (l’età massima può essere derogata in caso di disabilità); non aver percepito altri benefici da parte di altri soggetti per la medesima finalità se non per la parte residua non coperta dal contributo comunale; frequenza di un centro estivo autorizzato ai sensi della normativa regionale per i mesi di giugno, luglio, agosto, settembre. 


Il contributo verrà assegnato sulla base di una graduatoria formulata rispetto al valore Isee (fino a concorrenza dell’apposito stanziamento previsto a bilancio), verrà accordata precedenza ai casi segnalati dai servizi sociali territoriali e in caso di parità di Isee verrà data la priorità per la famiglia con il minore di età inferiore. E’ previsto un contributo pari alla spesa sostenuta fino ad un massimo di 400 euro a figlio (Isee fino a 5.000 euro contributo pari al 90% della spesa sostenuta, Isee da 5.000 a 10.000 euro, contributo pari all’80% della spesa sostenuta, Isee da 10.000 a 15.000 euro, contributo pari al 50% della spesa sostenuta, Isee da 15.000 a 20.000 euro, contributo pari al 30% della spesa sostenuta. 


L’agevolazione spettante sarà erogata ai beneficiari, successivamente alla chiusura dei centri estivi, a titolo di rimborso della spesa effettivamente sostenuta debitamente documentata. Le domande possono essere presentate online con accesso Spid sul Portale Genitori e saranno accettate se inviate dal 20 aprile al 16 maggio. La graduatoria degli ammessi al beneficio verrà pubblicata il 18 maggio. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA