Tra la Baia e il Porto la combo
degli eventi: un test per la sosta

Tra la Baia e il Porto la combo degli eventi: un test per la sosta. Ecco i rischi e le soluzioni migliori per muoversi
Tra la Baia e il Porto la combo degli eventi: un test per la sosta. Ecco i rischi e le soluzioni migliori per muoversi
di Thomas Delbianco
4 Minuti di Lettura
Giovedì 30 Giugno 2022, 06:10 - Ultimo aggiornamento: 12:03

PESARO . CaterRaduno e Festa del Porto, ingorgo di maxi-eventi a Pesaro, tra musica, incontri su tante tematiche, mostre, rassegne, sport, bancarelle, fuochi d’artificio. Ma anche divieti di sosta e transito tra la zona Mare, Porto e Baia Flaminia. Il mese di luglio per la città di Pesaro inizierà letteralmente con “il botto”. Non solo con quello dello spettacolo pirotecnico che domenica sera, dalle 23,15 tornerà ad illuminare il cielo pesarese. Sarà un fine settimana intenso di appuntamenti, due liste che non finiscono più, per tutti i gusti ed età, tra il CaterRaduno, al via oggi, e la tradizionale Festa del Porto.

Un evento di spessore nazionale, che apre l’estate, targato Rai Radio2, lanciato dai programmi Caterpillar e Caterpillar AM, che animerà la spiaggia di Baia Flaminia, con un mix collaudato di musica, parole ed eventi. E la Festa del Porto, l’evento che celebra e riscopre la storia e i valori della tradizione marinara della città. 
La settimana
Le iniziative sono già iniziate da lunedì e nel fine settimana si entra nel clou, in particolar modo nella giornata domenicale tra il Motoraduno del Mare, la Santa Messa celebrata da monsignor Sandro Salvucci, arcivescovo di Pesaro da due mesi il getto della Corona in Memoria dei Caduti del Mare, le tradizionali bancarelle, lo stand del pesce, il concorso di pittura, per arrivare, verso la serata con la musica di Beautiful Strangers e Joe Castellani, prima di guardare tutti insieme i fuochi d’artificio intorno alle 23. Sarà veramente una grande festa della città, dopo due anni che non si è potuta più tenere a causa della pandemia. Il consiglio spassionato?

Muoversi in bici o in monopattino o in scooter per raggiungere più facilmente i luoghi degli eventi. Ma ci saranno anche tanti che verranno da fuori Pesaro per assistere al ricco cartellone di personaggi e allora per chi vuole raggiungere la Baia sulle quattro ruote è meglio offrire anche qualche riga di vademecum di istruzioni per l’uso, destreggaiandosi tra divieti di sosta e cambi di viabilità. Nel parcheggio di Baia Flaminia, nell’area del Campo di Marte, già da qualche giorno sono stati disseminati i cartelli di divieto di sosta, che a partire da oggi e fino a domenica saranno validi per consentire l’organizzazione degli eventi del CaterRaduno. 
Serbatoio prezioso
Inevitabile che, davanti ad un serbatoio prezioso nell’area di Campo di Marte per la sosta parzialmente inutilizzabile, ma anche lungo via Parigi e non solo, sia ancora più consigliato, rispetto ad altri weekend, seguire gli eventi oppure raggiungere le spiagge, considerate anche le previsioni meteo favorevoli, utilizzando anche le navette di collegamento che nel fine settimana fanno la spola tra Baia Flaminia e l’area della darsena tra i due porti con passaggi frequenti. L’ordinanza comunale prevede nello specifico il divieto di sosta con rimozione nelle prime due file di parcheggi lato mare e stalli adiacenti all’area verde. Inoltre, tra le 20 e l’una di venerdì e nello stesso orario di sabato, divieto di transito in via Parigi, nel tratto compreso tra via Berna evia Baldi, in via Baldi, via Varsavia, e direzione obbligata a sinistra in via Parigi e in via Stoccolma, all’intersezione con via Baldi. E ancora: dalle 15 odierne e fino a tutto il 3 luglio, divieto di sosta in via Parigi, nel tratto compreso tra via Berna e via Baldi. 
Dalla Baia al Porto
Per quanto riguarda la Festa del Porto, tra i provvedimenti viari e legati alla sosta, a partire da questa sera e fino alle 20 di domenica, ci sarà divieto di sosta, solo per due stalli in via Cecchi, per consentire il concorso di pittura. Divieto di sosta sabato mattina e lunedì pomeriggio anche in via Chioggia. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA