Prende il reddito di cittadinanza ma vive da anni in Marocco: denunciato, dovrà restituire tutto

Giovedì 22 Ottobre 2020
Pesaro, prende il reddito di cittadinanza ma vive da anni in Marocco: denunciato, dovrà restituire tutto

PESARO - Percepisce il reddito da cittadinanza ma è irreperibile da 6 anni e dal almeno due vive in Marocco: denunciato dalla Finanza di Pesaro, dovrà restituire le somme percepite.

LEGGI ANCHE:

Coronavirus, sono 321 nuovi positivi nelle Marche, battuto il record di marzo. Infetto un tampone su 5/ I numeri del contagio regione per regione

Acquaroli e l'ordinanza: didattica a distanza al 50% alle superiori. Ma la stretta sulla scuola non basta, ecco le altre 7 cose da fare subito

Un uomo di 27 anni è finito nei guai perché al fine di ottenere il sussidio, pur essendo formalmente residente all’estero dal mese di settembre 2018, ha dichiarato nella domanda necessaria al rilascio, di abitare in un comune del territorio pesarese da almeno due anni. Tale falsità ha consentito alla persona di percepire indebitamente nel 2019 e mantenere nel 2020 il reddito di cittadinanza, per un importo complessivo pari a 7.500 euro. L’esito del controllo ha messo in luce una situazione in cui il beneficiario ha falsamente attestato di essere in possesso del requisito della residenza e soggiorno in Italia, laddove, dai riscontri effettuati dai militari della Compagnia di Pesaro, è risultato irreperibile sin dall’anno 2014 nel luogo di residenza e, a partire dal 03 settembre 2018, è iscritto all’Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero (AIRE), in quanto trasferitosi in Marocco. Il soggetto controllato, non avendo i requisiti per beneficiare dell’intervento di politica sociale, è stato segnalato sia all’Autorità Giudiziaria, per aver indebitamente percepito erogazioni a danno dello Stato, che all’Inps competente, per la revoca del sostegno ed il recupero della somma complessivamente incassata pari ad € 7.500.

© RIPRODUZIONE RISERVATA