Pesaro, nello scooter hanno l'attrezzatura per il sottovuoto: tre arrestati con più di un chilo di cocaina purissima

Sabato 13 Giugno 2020
Pesaro, nello scooter hanno l'attrezzatura per il sottovuoto: tre arrestati con più di un chilo di cocaina purissima

PESARO - Pizzicati a bordo di uno scooter con qualch dose di cocaina, ma sono nervosi e soprattutto hanno sul mezzo un apparecchio per il sottovuoto ancora caldo e quindi utilizzato da poco: i carabinieri arrestano tre persone per spaccio e sequestrano più di un chilo di cocaina purissima.

LEGGI ANCHE:
Coronavirus, due nuovi positivi nelle ultime 24 ore: uno ad Ancona e l'altro a Macerata/ La mappa interattiva del contagio provincia per provincia

Coronavirus, cinquemila guariti nelle Marche ma preoccupano i positivi all'Hotel House: termoscanner all'ingresso


Si tratta di tre italiani: due vecchie conoscenze sorprese a bordo dello scooter ed un insospettabile. Ossia il padrone della casa da dove erano usciti e dove i carabinieri hanno trovato un chilo e 145 grammi di cocaina purissima: poteva fruttare fino a centomila euro.
 
I Carabinieri del Comando Provinciale di Pesaro, nella notte di venerdì 12 giugno, hanno tratto in arresto tre cittadini italiani ritenuti responsabili di concorso nella detenzione finalizzata allo spaccio di un ingente quantitativo di cocaina. L’operazione è cominciata il giorno precedente, quando i militari hanno notato alcuni movimenti sospetti di uno dei tre, un pregiudicato per reati della stessa natura già noto ai Carabinieri. L’uomo, al momento del controllo nel quartiere di Villa Fastiggi, si trovava in compagnia di un’altra persona, a sua volta gravata da precedenti di polizia inerenti gli stupefacenti; appena dopo essere stati fermati, i due hanno iniziato a manifestare segni di nervosismo tali da rafforzare i sospetti dei militari e convincerli a perquisire loro e lo scooter a bordo del quale viaggiavano. Addosso a uno dei due sono stati trovati, nascosti negli slip, due involucri con modeste quantità di droga. Soprattutto, però, sotto la sella del motociclo era stato riposto un macchinario per il sottovuoto, ancora caldo come dopo un recente e prolungato utilizzo. Per tale motivo, i militari hanno deciso di estendere la perquisizione a un’abitazione poco distante dal luogo dell’accertamento, dalla quale avevano in precedenza visto uscire i due fermati. L’intuizione si è rivelata corretta: all’interno dell’appartamento, oltre al padrone di casa, un insospettabile incensurato, sono state infatti trovate diverse mattonelle di cocaina confezionate proprio sotto vuoto, per un peso totale di un chilo e centoquarantacinque grammi, un consistente quantitativo di stupefacente, di alto grado di purezza, pronto per essere venduto sulla piazza di Pesaro e che avrebbe potuto fruttare ai tre fino a centomila euro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA