Pesaro, stretta sul parco dello spaccio dopo gli scippi. Controllate 300 persone: trovata droga, consumatori segnalati

Sabato 11 Luglio 2020 di Luigi Benelli
Pesaro, stretta sul parco dello spaccio dopo gli scippi. Controllate 300 persone: trovata droga, consumatori segnalati

PESARO - Parco Miralfiore presidiato, segnalati come consumatori due ragazzi sorpresi con la droga e controllate oltre 300 persone. Dopo gli episodi di spaccio e di microcriminalità dei giorni scorsi con denunce e arresti e il ritrovamento di 24 grammi di marijuana tra i cespugli, sono stati attuati altri controlli delle forze dell’ordine aiutate anche dalla presenza dell’esercito a rafforzare la vigilanza. Il tutto per prevenire non solo la diffusione delle droghe ma anche eventuali altri scippi che hanno contrassegnato gli ultimi e recenti allarmi.

LEGGI ANCHE:
Coronavirus, ancora zero morti nelle Marche, ma c'è un caso sospetto/ Il contagio nelle regioni in tempo reale

Schianto in moto contro un cinghiale mentre va al lavoro: centauro in codice rosso

Ricordiamo che ci sono stati tre furti di borse a signore nel giro di pochi giorni. Gli scippatori hanno agito sempre in due, assaltando signore in bicicletta e rubando loro la borsa con tutto quello che conteneva, poi una volta presi i soldi o altri oggetti di valore hanno gettato via gli zainetti tra i cespugli del parco. Le vittime hanno descritto i due scippatori come giovani stranieri, di origine nordafricana. Per gli inquirenti si stratta degli stessi soggetti per tutti gli episodi segnalati e stanno cercando tra i frequentatori del sottobosco del parco anche con l’ausilio di telecamere di videosorveglianza. 
 
Sono stati appunto soprattutto gli scippi a innescare negli ultimi giorni un notevole allarme sociale, episodi che hanno portato la Prefettura a stringere le maglie dei controlli. Anche in materia di assembramenti. Il comando provinciale dei carabinieri di Pesaro e Urbino ha messo in campo ulteriori risorse per garantire un livello di sicurezza più elevato in città, anche in relazione alle misure contenitive adottate al fine di contrastare la diffusione del contagio da Covid-19, come concordato con il prefetto della provincia, Vittorio Lapolla. I servizi di prevenzione svolti dall’Arma nel capoluogo sono stati implementati con l’impiego del personale della Compagnia di Intervento Speciale del 10° Reggimento “Campania” ed è stata dedicata particolare attenzione ad alcune aree di Pesaro, come, ad esempio, il lungomare, il centro storico e, appunto, il parco Miralfiore. Ed è stato soprattutto il parco a essere classificato come sorvegliato speciale, tanto più che da domani ospiterà una serie di appuntamenti culturali e di iniziative legate al teatro e c’è tutto l’interesse a rendere l’area il più rassicurante possibile per gli spettatori. Nel corso della costante ed adeguata presenza sul territorio in un’ampia fascia oraria giornaliera in pochi giorni di servizio sono state controllate più di trecento persone, nelle zone calde come la stazione ferroviaria e il parco Miralfiore, molti tra i soggetti che sono stati identificati durante la vigilanza, avevano dei precedenti di polizia. Controllati oltre cento mezzi. Sono stati sequestrati anche circa 5 grammi di stupefacente vario con la contestuale segnalazione al Prefetto per possesso per uso personale di due ragazzi italiani. Da non sottovalutare anche l’impegno nella gestione degli interventi chiesti dai cittadini al numero di pronto intervento “112” anche per la risoluzione di liti. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA