Pesaro, spaccio nel salotto buono:
preso con le dosi di eroina sul lungomare

Spaccio nel salotto buono:
preso con le dosi
di eroina sul lungomare
PESARO - Lo spaccio in piazzale della Libertà, davanti alla Sfera di Pomodoro. Denunciato un pusher pakistano, arrestato un suo connazionale, ma è già tornato in libertà. Il caso fa seguito all’arresto di un altro pakistano, 31enne, trovato in possesso di circa 77 grammi di eroina suddivisa in 180 dosi, effettuato sempre dagli agenti della Squadra Mobile pesarese la scorsa settimana. Le indagini non si sono fermate perché i poliziotti della Mobile hanno capito che il ragazzo faceva parte di un gruppo di suoi connazionali dediti al traffico di stupefacenti. Una volta rintracciato il nucleo dei pusher, gli agenti hanno effettuato una serie di appostamenti in Piazzale della Libertà. Un luogo appena tirato a lucido per le festività pasquali. Nel pomeriggio di giovedì, i poliziotti hanno avuto modo di assistere alla cessione di una dose di eroina fra un soggetto italiano, noto quale tossicodipendente e un giovane pakistano, già richiedente asilo, che ha il permesso per motivi umanitari. La droga è stata sequestrata e il giovane denunciato per spaccio. Il prosieguo delle indagini ha portato infine a identificare la persona che aveva fornito la droga allo spacciatore, ovvero uno straniero, anch’egli pakistano, di 20 anni, giovanissimo. Quest’ultimo, rintracciato nella stessa serata a Pesaro è stato perquisito da cima a fondo. Ed infatti è stato trovato in possesso di un involucro contenente 6 ovuli di eroina per un totale di circa 3 grammi. Motivo per cui il 20enne è stato arrestato dagli agenti della mobile. Ieri mattina il processo al tribunale di Pesaro con rito direttissimo. Il giudice lo ha condannato a 8 mesi di reclusione con pena sospesa, oltre che a mille euro di multa. Di fatto è già tornato libero.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 20 Aprile 2019, 04:35 - Ultimo aggiornamento: 20-04-2019 04:35

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO