Non fa in tempo a scaricare l'hashish nel bagno del bar: arrestato giovane pusher

Non fa in tempo a scaricare l'hashish nel bagno del bar: arrestato giovane pusher
Non fa in tempo a scaricare l'hashish nel bagno del bar: arrestato giovane pusher
3 Minuti di Lettura
Martedì 25 Gennaio 2022, 14:53

PESARO - Blitz antidorga dei carabinieri nella zona della stazione ferroviaria-Parco Miralfiore: 24enne guineano arrestato con 21 grammi di hashish già diviso in dosi ed un coltello. Alla vista dei militari ha provato a fuggire nel bagno di una bar e a disfarsi dello stupefacente, ma non è stato abbastanza rapido ed è finito in manette per spaccio.

Covid, nelle Marche oggi i nuovi positivi sono 7.806, 2.452 tra 0 e 18 anni. In tre province il virus corre di più /Il trend dei ricoveri

Proseguono i controlli dell’Arma dei Carabinieri nelle aree pubbliche di Parco Miralfiore, Stazione Ferroviaria e Piazza Falcone e Borsellino. Nei giorni scorsi, durante un servizio coordinato per la repressione dello spaccio di sostanze stupefacenti, i Carabinieri delle Stazioni di Pesaro e Isola del Piano, coadiuvati dal Nucleo Cinofili e dal collega a quattro zampe “Bob”, hanno controllato e identificato circa trenta persone. Durante le operazioni, un guineano disoccupato e incensurato di 24 anni, alla vista dei militari, ha tentato di eludere il controllo precipitandosi all’interno del bar Diana di viale XXIV Maggio. I Carabinieri lo hanno quindi seguito fin dentro al bagno del locale, dove è stato sorpreso nell’atto di scaricare l’acqua del WC nonostante vi fosse appena entrato. I sospetti generati da tale comportamento sono stati corroborati anche dalla reazione del cane antidroga Bob, che ha indicato la possibile presenza di sostanze stupefacenti. Il giovane, infatti, è stato trovato in possesso di 21 grammi di sostanza verosimilmente stupefacente del tipo “hashish”, suddivisi in 7 dosi, di cui una occultata in un pacchetto di sigarette, e di un coltello lungo 18 centimetri. Dopo la perquisizione, il ragazzo è stato accompagnato in caserma per gli accertamenti del caso e poi denunciato a piede libero per le ipotesi di reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e porto abusivo di oggetti atti ad offendere.

© RIPRODUZIONE RISERVATA