Pesaro, seguono i clienti e bloccano lo spacciatore di eroina: condannato, sarà espulso

Giovedì 27 Febbraio 2020
Pesaro, seguono i clienti e bloccano lo spacciatore di eroina: condannato, sarà espulso

PESARO - Hanno osservato i clienti, due noti tossicodipendenti. Poi hanno aspettato l’arrivo del pusher e sono intervenuti. Altro arresto al parco Miralfiore, altro caso di spaccio di sostanze stupefacenti da parte degli agenti della squadra Mobile. Nascosti tra la vegetazione, in borghese, la loro attenzione è stata attirata da alcune persone note per essere dei consumatori seriali di eroina.

LEGGI ANCHE:
Fermo, esce di strada e finisce con l'auto nel fiume: conducente 20enne miracolato

Guida un'auto senza assicurazione: «Era un'emergenza, dovevo fare scorta al supermercato per il Coronavirus»


I due stavano aspettando un pusher, che infatti poco dopo è uscito allo scoperto per andargli incontro. È stato in questo momento che gli agenti della squadra mobile della questura di Pesaro sono intervenuti bloccando tutto. Lo spacciatore è un nigeriano di 26 anni. Addosso aveva due dosi di eroina, probabilmente quelle che avrebbe ceduto ai due clienti. L’uomo è stato arrestato in flagranza di reato per spaccio di stupefacenti. Ieri mattina la direttissima in tribunale a Pesaro. Il giovane ha patteggiato, tramite il suo avvocato a un anno di carcere con pena sospesa. Ora sono in corso le procedure per l’espulsione del nigeriano. Il giovane era già stato protagonista di un episodio di cronaca la scorsa estate. Infatti durante un controllo della Volante, sempre al parco Miralfiore, il 26enne aveva reagito con forza aggredendo gli agenti, cosa che gli era costata una denuncia per resistenza a pubblico ufficiale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA