Completamente ubriaco a zig zag sulle Siligate: lo fermano gli altri automobilisti. I poliziotti lo trovano steso a terra

Domenica 26 Settembre 2021 di Luigi Benelli
Completamente ubriaco a zig zag sulle Siligate: lo fermano gli altri automobilisti

PESARO - Completamente ubriaco su una delle strade più pericolose della provincia, le Siligate. Intorno alla mezzanotte tra venerdì e sabato la centrale operativa ha ricevuto una chiamata d’allarme di alcuni conducenti che hanno notato provenire da Cattolica, verso Cattabrighe, un’auto che procedeva a zig zag e invadeva l’altra corsia. Le Volanti si sono precipitate in zona per fermare il veicolo impazzito. 

 

Tasso di alcol del 2,50

Nel frattempo due conducenti lo hanno avvicinato con cautela e sono riusciti a farlo accostare sul ciglio della strada. Quando sono arrivati, gli agenti della volante si sono trovati davanti a una situazione paradossale. L’autista era disteso a terra, fuori dal mezzo, sfinito dall’abuso di alcol dopo che aveva rigurgitato. Era visibilmente in preda ai fumi dell’alcol. Aveva le chiavi dell’auto in mano e i testimoni hanno riferito che proprio lui era alla guida. Così è scattato il controllo dell’etilometro e l’uomo, un pesarese di 42 anni, aveva un tasso di alcol nel sangue di 2,50 mg per litro. Praticamente ben cinque volte oltre il limite consentito. L’uomo non aveva idea di dove fosse e di quale pericolo avrebbe potuto causare. Il pesarese già in passato aveva avuto guai con la patente, dunque era recidivo. E’ stato quindi denunciato per guida in stato d’ebbrezza. 

Veicolo sequestrato

Visto il tasso alcolemico il veicolo è stato sequestrato e verrà sottoposto a confisca. Ovviamente la patente è stata ritirata. Grazie ai due automobilisti che lo hanno scortato fuori dalla strada, si è evitato il peggio. Del resto le Siligate sono note, soprattutto di notte, per essere una strada in cui la velocità è alta. E trovarsi la corsia invasa, avrebbe potuto portare a un frontale senza scampo. Le volanti hanno poi chiuso ogni discorso, togliendo l’auto al conducente ubriaco.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA