Cripta di San Decenzio chiusa al pubblico da 5 anni: fermo il progetto "modello parigino" del Comune di Pesaro

Cripta di San Decenzio sbarrata da 5 anni: fermo il progetto "modello parigino" del Comune di Pesaro
Cripta di San Decenzio sbarrata da 5 anni: fermo il progetto "modello parigino" del Comune di Pesaro
3 Minuti di Lettura
Giovedì 6 Ottobre 2022, 03:35

PESARO È un luogo semplice la cripta di San Decenzio, ma di profonda grazia e forza evocativa, il vero cuore del cimitero finito nell’oblio e in preda all’incuria. Lo storico sito, ospitato nei sotterranei della chiesa forse più antica di Pesaro, da cinque anni è chiuso ai visitatori e, nonostante i restauri, è stato di nuovo imbrattato da murali e scritte vandaliche.  


Il percorso


Il Comune ha studiato un progetto per valorizzare la cripta in un itinerario a cielo aperto, che si vorrebbe rifare al cimitero parigino di Père Lachaise, che comprende anche le tombe monumentali in cui riposano famiglie nobiliari, come i Ruggeri, Mamiani, Della Rovere, Mosca, scrittori, musicisti e artisti pesaresi, a partire dal poeta dialettale Pasqualon. Ma non se ne sa più niente. Dal 2017 l’accesso alla cripta è sbarrato da un cancelletto e non è visitabile nemmeno la soprastante chiesa di San Decenzio, negli esiti finali settecentesca, un tempo basilica, poi abbazia (secondo studi recenti la cattedrale è sempre stata solo Santa Maria Assunta, il duomo). 
Rappresenta quindi una occasione preziosa per ammirare la Cripta nel contesto del cimitero, la visita guidata organizzata per sabato alle 16,30 dal gruppo ”Pesaro walking” in collaborazione con l’associazione femminile Fidapa, la Federazione italiana donne arti, professioni e affari. Sarà Elena Bacchielli, guida turistica abilitata della Regione, ad accompagnare la comitiva.

La passeggiata

«Una passeggiata nell’area monumentale del cimitero - spiega Raffaella Vori, presidentessa di Fidapa -, per conoscere la storia del luogo, dalla nascita fino alle trasformazioni avvenute negli ultimi anni, con un’attenzione particolare rivolta alla Cripta posta all’interno di quella che fu l’antica basilica dei santi Decenzio e Germano, luogo suggestivo e poco conosciuto». Il tour guidato sarà impreziosito da «letture sceniche di poesie, documenti e lettere per svelare fatti inediti e curiosi sulla nobiltà pesarese - illustra il programma Raffaella Vori - e da un omaggio a Odoardo Giansanti, di cui quest’anno si celebrano i 170 anni dalla nascita e i 90 anni dalla morte». L’appuntamento è fissato alle 16,20 all’ingresso del cimitero centrale, in via Mirabelli. Non serve prenotare. È prevista una quota di partecipazione di 10 euro a persona. Sarà l’occasione per rifare il punto sulla datazione del sito, attorno alla quale non c’è unanimità. In base agli studi più recenti, è corretto affermare che la cripta, testimonianza dell’impianto originario romanico (1.153 circa) della chiesa del cimitero, è stata innalzata sul luogo sacro, datato attorno al IV secolo d.C., della prima comunità cristiana di Pisaurum, cioè la cella funeraria dei fratelli martiri Decenzio e Germano, l’uno vescovo e l’altro diacono. 


La stratificazione


L’architettura della chiesa è assai composita avendo subito diverse modifiche: dopo l’edificazione romanica iniziale, che aveva sede fuori dalle mura della città, nella seconda metà del Trecento c’è stato l’intervento gotico. Le linee neoclassiche rimaste fino a oggi si devono infine al pesarese Giannandrea Lazzarini che vi operò nel 1787. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA