Pesaro, raid dei vandali, rigate sette auto in sosta: caccia a due ragazzi

I carabinieri sono intervenuti in viale Verdi e in via Toscana
I carabinieri sono intervenuti in viale Verdi e in via Toscana
di Luigi Benelli
2 Minuti di Lettura
Giovedì 11 Agosto 2022, 19:22

PESARO - E mentre la notte bianca lasciava il posto alle prime luci dell’alba qualcuno metteva a segno un dispetto di quelli che fanno imbestialire i proprietari. Sono da poco passate le 4 del mattino in viale Verdi quando alcuni condomini sentono dei rumori e si affacciano alla finestra.

Hanno visto due giovani intenti a rigare deliberatamente le auto in sosta con una punta metallica. Poi sono scappati. I proprietari sono scesi in strada e hanno visto che almeno 7 auto erano state graffiate sulla carrozzeria. Alcune erano parcheggiate sul lato destro, altre su quello sinistro. Immediata la chiamata ai carabinieri che hanno dato la caccia ai responsabili senza trovarli. Le indagini e gli accertamenti sono in corso. Si stanno visionando anche le telecamere della zona per poter dare un volto e un nome ai vandali che hanno compiuto questo gesto. Un dispetto o una bravata che ha arrecato danni per centinaia di euro ai proprietari dei veicoli ora costretti a ricorrere a un carrozziere per sistemare quei brutti segni sulla portiera e su tutto il lato delle loro auto. Visto l’orario, potrebbe essersi trattato dello strascico di una serata di movida. Due giovani forse ubriachi, o forse incapaci di divertirsi in altre maniere, un modo stupido di passare il tempo, una notte brava che però potrebbe costargli caro. Le verifiche sono in corso. I carabinieri sono intervenuti anche in via Toscana nel tardo pomeriggio di mercoledì perché un uomo si era introdotto in una autofficina. Qui si era diretto verso la cassa da cui ha preso circa 750 euro. I proprietari si sono accorti della sua presenza e hanno provato ad avvicinarlo per chiedere conto di cosa stesse facendo nell’officina. Ma lui è scappato di corsa, si è infilato in un’auto ed è fuggito a tutta velocità. Poi si sono accorti dell’ammanco e hanno dato l’allarme ai carabinieri che sulla base delle descrizioni cercheranno di risalire al responsabile.

© RIPRODUZIONE RISERVATA