Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Gli propongono terreni edificabili in Romania, ma poi scappano sull'auto comprata con i suoi soldi

Gli propongo terreni edificabili in Romania, ma poi scappato sull'auto comprata con i suoi soldi
Gli propongo terreni edificabili in Romania, ma poi scappato sull'auto comprata con i suoi soldi
2 Minuti di Lettura
Giovedì 9 Giugno 2022, 19:15 - Ultimo aggiornamento: 10 Giugno, 09:58

PESARO - Gli propongono l’investimento in terreni edificabili, ma scappano con l’auto comprata con i soldi della vittima della truffa. Ieri davanti al giudice monocratico il caso di due romeni di 50 e 45 anni accusati di truffa in concorso.

Avevano contattato un pesarese sulla cinquantina promettendogli degli importanti guadagni, fino al 100% del capitale investito. In pratica avrebbero investito i soldi in dei terreni in Romania. L’edificabilità e le operazioni immobiliari successive avrebbero fatto da effetto moltiplicato facendo guadagnare parecchi soldi all’investitore. Ma così non è stato. Il pesarese ha consegnato in tre soluzioni quasi 17 mila euro. Ma una volta presi i soldi i due sono spariti. L’uomo ha iniziato a contattarli per sapere dove fosse il capitale consegnato e soprattutto per rientrare dell’investimento, con il guadagno promesso. I due romeni non hanno più risposto così l’uomo si è rivolto alle forze dell’ordine che hanno ricostruito la truffa perpetrata. Da quanto emerso i soldi sono stati utilizzati per comprare auto e altri beni in Romania. Non certo terreni. E soprattutto beni per uso e consumo dei due imputati. Sono partite le indagini e si è arrivati alla denuncia. Nel frattempo uno degli assegni è stato pignorato, ma dei soldi nessuna traccia, perché è tornato indietro protestato. Per il pesarese l’amara certezza di aver perso quasi 17 mila euro e la beffa. I due sono stati dichiarati irreperibili un anno fa. Ieri lo stesso copione. Non si trovano e risultano praticamente scomparsi dalla circolazione. Il giudice a questo punto

© RIPRODUZIONE RISERVATA