Droga e pistola nell'hotel sul lungomare: due anni di carcere al bullo della baby gang

Sabato 15 Gennaio 2022 di Luigi Benelli
Droga e pistola nell'hotel sul lungomare: due anni di carcere al bullo della baby gang

PESARO - Droga e pistola nell’hotel sul lungomare, arriva la condanna per uno dei minorenni della baby gang di piazza Redi. Il processo si era aperto davanti al tribunale dei minorenni per il caso dello scorso settembre. Un neodiciottenne, il 17enne in questione e un 13enne erano stati sorpresi in una stanza d’albergo in zona mare con 30 grammi di marijuana e una pistola scacciacani, (simile per forma e dimensioni al modello in dotazione alle forze armate) con canna priva di tappo rosso, nonché denaro contante per un ammontare di circa 200 euro.

Volo fatale dalla finestra dell'ospedale, scoperta choc per le infermiere: si affacciano e trovano l'anziano morto

 

Si tratta di ragazzi noti alle cronache, membri della baby gang di piazza Redi, già protagonisti di episodi di danneggiamenti, furti e lesioni a un residente. 

La minaccia

La stessa scacciacani era stata brandita in centro storico per minacciare un venditore di un mercatino etnico. I video dei ragazzini con la pistola in via Branca era finito in rete. La squadra mobile della questura di Pesaro aveva proceduto all’arresto in flagranza del 18enne e del 17enne, resisi responsabili in concorso tra loro del reato di detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio. La droga era sul terrazzo, nascosta. Il minorenne era ai domiciliari, con la possibilità di frequentare la scuola. Il 13enne che era con loro invece non era imputabile. L’altro giorno la sentenza per il 17enne, difeso da Marco Defendini. Per lui la condanna a 2 anni con la misura delle prescrizioni per il giovane che potrà andare a scuola e frequentare il Sert per la tossicodipendenza. 

La difesa

L’avvocato Defendini promette di fare appello per alleviare la pena al suo assistito. È la prima pesante condanna per uno dei membri della baby gang. La banda ha imperversato in città per vari mesi finendo spesso sulle cronache. Il 18enne ha già avuto una prima sentenza. Era inizialmente finito in carcere con l’accusa di spaccio, ora in una comunità di recupero. La squadra mobile gli ha contestato diversi fatti come rapine, furti, botte a minorenni. 

Gli episodi

Cinque episodi, tali da far scattare la misura cautelare per il ragazzino della baby gang di piazza Redi. A dicembre, il ragazzo difeso da Carlo Rampino e Luca Pagnoni Di Dario ha patteggiato a 2 mesi e 20 giorni per il danneggiamento alla scuola Don Gaudiano. Qui aveva rotto uno dei vetri della scuola ed era stato incastrato grazie alle telecamere di videosorveglianza. A seguito del pagamento del danno, circa 200 euro, il giovane ha potuto accordare la pena. Per lui e altri due ragazzini era stato emesso anche un Daspo episodi consumati in piazza redi, come il pugno in faccia a un passante che aveva negato ai giovani una sigaretta. Ora attende altri processi. 
A seguito degli approfondimenti investigativi è emersa la responsabilità dell’indagato in almeno 5 episodi delittuosi, verificatisi a Pesaro tra febbraio e agosto 2021. Tra questi la minaccia con un coltello e la rapina a dei coetanei.

 

Ultimo aggiornamento: 16:01 © RIPRODUZIONE RISERVATA