Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Pesaro, post al vetriolo contro il sindaco:
«Un caffè al polonio non si nega mai»

Pesaro, post al vetriolo contro il sindaco: «Un caffè al polonio non si nega mai»
1 Minuto di Lettura
Giovedì 20 Settembre 2018, 04:35
PESARO - «Un’abbondante cena con caffettino finale al polonio non si nega mai a un dirigente Pd»: è la risposta al veleno (in tutti i sensi) seguita da un sorridente emoticon che Marco De Grandis, attivista del Movimento 5 Stelle, (nel 2013 è stato candidato al consiglio comunale di Falconara) ha dato a Matteo Ricci in risposta all’iniziativa “Un sindaco in famiglia” che il primo cittadino di Pesaro ha postato in questi giorni sulla sua pagina Facebook per cercare adesioni. Immediata la replica di Ricci che comunque sta valutando se denunciare o meno l’hater: «Ho avuto diverse segnalazioni di questo stupido post. A parte che la morte non la si augura a nessuno, ma poi cosa è una minaccia o una cretinata? Purtroppo qualcuno con il polonio ci è morto davvero, per le proprie idee». Il tutto seguito da due hashtag #civiltà e #bastaodio. «O si recupera un pò di rispetto e di civiltà - argomenta volta Ricci su Facebook - o la nostra società finisce male. Basta odio sui social. #wepesaro. E comunque - conclude - abbiamo già ricevuto più di 50 inviti a cena per un sindaco in famiglia, cercheremo (colesterolo permettendo) di andare da tutti».
© RIPRODUZIONE RISERVATA