Ponte sul Foglia, lavori assegnati ma il cantiere rimane un’incognita: un anno e mezzo per i lavori

Venerdì 13 Maggio 2022 di Letizia Francesconi
Ponte sul Foglia, lavori assegnati ma il cantiere rimane un incognita: un anno e mezzo per i lavori

PESARO -  Nuovo ponte ciclopedonale sul Foglia, il cantiere annunciato potrebbe subire dei ritardi. Rapporti fra Comune e ditta aggiudicatrice dell’appalto sono infatti ancora in corso di perfezionamento. Eppure la delibera di aggiudicazione e affidamento dell’opera risale alla metà del febbraio scorso. Si tratta del primo intervento questo da realizzare con il pacchetto di risorse nazionali “Sprint” , bando periferie che il Comune si è aggiudicato. «Per l’avvio del cantiere del ponte sul Foglia – precisa l’assessore ai Lavori Pubblici, Riccardo Pozzi – abbiamo già concluso la gara, la ditta è stata individuata e i lavori sono stati affidati».

 


Il costo dell’opera è di 2 milioni 970 mila euro tutto coperto da risorse pubbliche. «Stiamo lavorando alla stipulazione del contratto con l’impresa aggiudicataria – entra nel merito Pozzi – terminata questa fase contiamo di iniziare il cantiere e speriamo che possa avvenire entro il mese di giugno ma i dettagli sono ancora da definire. Durata dei lavori preventivata, almeno un anno e mezzo, ma anche in questo caso siamo nell’ambito delle ipotesi». Sarà l’impresa Nasoni Costruzioni di Fano a occuparsi dei lavori. «Siamo ancora in una fase propedeutica al cantiere – conferma il referente dell’impresa - non siamo in grado di dare al servizio comunale Lavori Pubblici tempi certi di avvio del cantiere, dal momento che ci sono ancora questioni tecniche da definire nell’ambito dello schema del contratto di appalto».


Le imprese e i servizi comunali sono in affanno, in tutta Italia in quanto alle prese con le difficoltà ormai note nel gestire le tempistiche dei vari cantieri pubblici e privati che siano, molti dei quali ancora da avviare, Con imprese impegnate su un doppio binario fra bonus privati e riqualificazioni legate al 110 e appalti pubblici. Proprio questa pare sia la ragione che sta facendo “rallentare” l’avvio di cantieri anche già appaltati mesi fa. Un rallentamento dovuto molto probabilmente a clausole contrattuali fra privati ed Ente pubblico ora rivedere. Per gli appalti pregressi aggiudicati fra fine 2021 e inizio 2022 infatti sono diverse le imprese affidatarie, che prima di avviare il cantiere richiedono ai Servizi Lavori Pubblici una revisione dei prezzi


i lavori dovranno portare, come ricorda l’assessore Pozzi, alla realizzazione di un ponte completamente in acciaio con una passerella pedonale e una rampa di accesso alla ciclabile lungo il fiume. Lunghezza massima 80 metri e tutto per collegare l’area di via dell’Acquedotto verso il quartiere Tombaccia.


Nel dettaglio si innesterà dall’area Parco XXV Aprile per terminare in via Fossombrone, procederà parallelo all’attuale tracciato del ponte della ferrovia ma più rialzato rispetto a questo per esigenze idrauliche. Contemporaneamente sarà realizzata dalla stessa impresa appaltatrice anche la ciclabile, creando un tratto diretto e più breve che dall’area della stazione porterà a Tombaccia.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA