Pesaro, perde alle slot machine 900 euro del lavoro e si inventa una rapina: denunciato

Mercoledì 12 Febbraio 2020
Pesaro, perde alle slot machine 900 euro del lavoro e si inventa una rapina: denunciato

PESARO - Il vortice del gioco d’azzardo patologico, una spirale che spinge le persone a tutto, persino a simulare di aver subito una finta rapina. Una perdita di lucidità dettata dalla voglia di rifarsi delle sconfitte al gioco. È il 31 gennaio quando, in pieno giorno, un trentenne dipendente di un corriere espresso viene aggredito nel quartiere Torraccia. 

LEGGI ANCHE:
Pesaro, il mondo della musica sotto choc: «Guagno non c'è più, addio angelo»

Tremendo schianto, grave un bimbo di 5 anni. Intubato e soccorso dall'eliambulanza

Sta scaricando la merce dal furgone aziendale per una consegna quando due malviventi lo prendono alle spalle, lo colpiscono con pugni alla testa, lo spingono contro il veicolo, facendolo cadere a terra svenuto, e, infine, gli rubano novecento euro in contanti di proprietà della ditta per la quale l’uomo lavora, strappandogli addirittura la tasca dei pantaloni nel farlo. O, almeno, questo è quello che la presunta vittima racconta ai Carabinieri. I militari incalzano, le domande sono ficcanti. Le risposte sono ondivaghe. Le descrizioni degli aggressori fumose. I particolari sono privi di fondamento. Il racconto non convince gli investigatori fin dal primo momento. La Stazione Carabinieri di Borgo Santa Maria va a fondo approfondendo i primi accertamenti effettuati dai colleghi e trovano conferma ai loro sospetti. A quel punto sarà lo stesso autista, vistosi ormai scoperto oltre ogni ragionevole dubbio, a vuotare il sacco: si è inventato tutto. E secondo quanto emerge non sarebbe nemmeno la prima volta. Anche lo scorso anno aveva simulato un furto a bordo del veicolo. Il racconto porta a galla una verità agghiacciante. Questa volta, in sole tre ore, il trentenne è riuscito a giocarsi alle slot machine tutti e novecento gli euro che avrebbe dovuto consegnare al datore di lavoro. L’uomo è stato denunciato per simulazione di reato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA