Rimasto senza chiavi cade nel vuoto arrampicandosi per entrare in casa

Rimasto senza chiavi cade nel vuoto arrampicandosi per entrare in casa
Rimasto senza chiavi cade nel vuoto arrampicandosi per entrare in casa
di Luigi Benelli
3 Minuti di Lettura
Domenica 14 Agosto 2022, 09:18 - Ultimo aggiornamento: 19:05

PESARO -  Dimentica le chiavi di casa e si arrampica fino al secondo piano dell’abitazione per cercare di entrare dalla finestra aperta. Ma il finale è al cardiopalma con l’uomo che scivola cadendo a terra da un’altezza di diversi metri e rischiando la vita. Potrà raccontare la sua disavventura perchè se la caverà nonostante le brutte ferite. Si tratta di un uomo sulla trentina di Monteciccardo padre di due bimbi piccoli.

La moglie era andata a Pesaro per delle commissioni e il marito si era accorto di non aver con sè le chiavi di casa. Non voleva però far tornare indietro la consorte per farle aprire la porta con la copia delle chiavi che la donna aveva portato con sè. Il giovane aveva con sè anche i figli piccoli, di 3 e 5 anni, che aspettavano fuori con lui. Così ha pensato di ingegnarsi e arrampicarsi fino al secondo piano della palazzina passando attraverso la cola e altri appigli per arrivare alla prima finestra utile. Un tentativo di destreggiarsi con abilità sulla carta ma che all’atto pratico si è rivelata un’idea molto rischiosa. A un certo punto infatti, quando era già arrivato al secondo piano il 30enne è scivolato ed è caduto nel vuoto per diversi metri. Ha impattato a terra violentemente con la faccia e ha quasi perso i sensi per il colpo violento.

L’aiuto provvidenziale è arrivato proprio dai figli che dopo aver assistito alla scena, pur spaventati, hanno dimostrato una grande presenza di spirito e sono andati in paese a cercare aiuto. I bambini non si sono persi d’animo: hanno incontrato un signore che li conosceva e hanno richiamato la sua attenzione. Il vicino è arrivato sul posto e ha visto il giovane steso a terra in serie condizioni. Ha dato l’allarme al 118 e ai carabinieri. Il papà sembrava in pericolo di vita visto il violento colpo subito alla testa. È stato ricoverato all’ospedale in codice rosso con traumi facciali e un polso rotto. Per fortuna col passare delle ore le fratture e la situazione è stata tenuta sotto controllo e ora è stato giudicato non in pericolo di vita. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA