Pesaro, la storia si ripete all'ospizio
lager: morti e arresti pochi anni fa

La storia si ripete all'ospizio
lager: morti, arresti
e condanne pochi anni fa
di Silvia Sinibaldi
MONDAINO - Sono stati trasferiti in una struttura di Rimini 34 dei 36 anziani trovati nella casa di riposo La Collina di Mondaino che a distanza di 17 anni torna a essere l’ospizio dell’orrore. Le due anziane ricoverate subito dopo il blitz all’alba di giovedì stanno meglio, una è già stata dimessa dall’ospedale di Rimini.
Mentre proseguono le indagini dei carabinieri che nell’ultimo sopralluogo alla struttura hanno trovato ulteriori drammatiche conferme di quanto vi accadeva all’interno, ci si chiede come possa essere accaduto che una donna come Maria Luisa Bulli possa aver ottenuto per le sue strutture (una per gli anziani, l’altra per i malati psichici) l’accreditamento dall’Area vasta pesarese e dall’Ausl riminese che hanno disposto in più occasioni il ricovero dei pazienti a Mondaino.
La Collina infatti è esattamente la stessa struttura che nel gennaio del 2001 fu chiusa per una serie di episodi gravissimi tra i quali sei decessi inspiegabili.
 
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
Scopri la promo
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 15 Dicembre 2018, 11:19 - Ultimo aggiornamento: 11:19