Pesaro, Candele e Ferragosto: chalet aperti fino alle 3. Ecco la deroga all'ordinanza

Pesaro, Candele e Ferragosto: chalet aperti fino alle 3. Ecco la deroga all'ordinanza
Pesaro, Candele e Ferragosto: chalet aperti fino alle 3. Ecco la deroga all'ordinanza
di Eleonora Rubechi
4 Minuti di Lettura
Lunedì 18 Luglio 2022, 06:40

PESARO - C’è un’ordinanza specifica stagionale del Comune che disciplina gli orari degli stabilimenti balneari per regolamentarne l’attività e che si affianca, integrandola e rafforzandola, all’ordinanza che a sua volta regolamenta le attività e gli orari dei locali, suddivisi per zona a seconda se siano ubicati al mare e quindi più turistici, centro o periferia.

In base anche alle direttive della Capitaneria di porto, i titolari ed i gestori degli stabilimenti balneari, nel periodo della stagione balneare 2022, possono mantenere aperti i bagni dalle 6.30 alle 24. A questa indicazione si aggiungono tuttavia delle deroghe. Per esempio il 10 agosto, notte di San Lorenzo, che ormai da anni a Pesaro si identifica con Candele sotto le stelle. Così in occasione del prossimo mercoledì 10 agosto nei giorni tutti gli stabilimenti balneari potranno rimanere aperti fino alle 3 ad esclusione degli stabilimenti ubicati nel litorale prospiciente viale Trieste i quali potranno rimanere aperti fino all’1. 


La disciplina


Lo stesso per domenica 14 agosto e lunedì 15 agosto (Ferragosto): gli stabilimenti ubicati a Sottomonte e Baia Flaminia potranno rimanere aperti fino alle 3, mentre i bagni dislocati nelle zone di Levante e Ponente di viale Trieste fino all’1. Ci sono poi le deroghe settimanali, anche in questo caso suddivise per zone, e che rispecchiano quelle già stabilite per i locali. Per esempio nella serata del venerdì gli stabilimenti balneari ubicati nel litorale di Baia Flaminia potranno rimanere aperti fino alle 3 del giorno successivo, nelle serate di sabato gli stabilimenti lungo viale Trieste potranno restate aperti fino all’1 e sempre il sabato i bagni dislocati a Sottomonte, dove si concentrano feste, serate musicali e animazioni, avranno la possibilità di rimanere aperti fino alle 3. L’ordinanza regolamenta anche le iniziative specifiche rivolte all’accoglienza dei clienti, nell’occasione lo stabilimento balneare potrà rimanere aperto fino alle due, tranne gli stabilimenti ubicati lungo viale Trieste per i quali l’orario massimo di deroga resta fissato all’una.

La deroga

Questa deroga fra l’altro è rivolta esclusivamente agli stabilimenti privi di attività di somministrazione di alimenti e bevande previa comunicazione all’Ufficio Attività Economiche almeno 5 giorni prima. Il periodo di apertura al pubblico dello stabilimento balneare ed i relativi orari di apertura e chiusura sono liberamente fissati dal gestore, con obbligo di comunicarli per iscritto preventivamente ai fini della vigilanza ed, inoltre, di renderli noti al pubblico mediante cartello visibile dall’esterno. Inoltre è fatto divieto di vendita per asporto di bevande, comprese quelle alcooliche di qualunque gradazione, dalle 22 alle 24 ed è comunque sempre vietato somministrare alcoolici ai minori di 18 anni, inoltre in caso di organizzazione di “piccoli intrattenimenti”, i gestori hanno comunque l’obbligo di rispettare l’ordinanza sindacale che fissa le deroghe ai limiti di decibel previsti dalla normativa vigente, fatta salva l’osservanza dell’orario di chiusura dello stabilimento balneare. 


Le sanzioni


Per i trasgressori sono previste delle sanzioni. Una multa tra i 25 e i 500 euro in caso di mancato rispetto del periodo e degli orari di apertura e chiusura degli stabilimenti, una multa tra i 154 e 1.032 euro in caso di violazione degli orari delle attività di somministrazione di alimenti e bevande. Non solo, in caso di violazione reiterata, si corre il rischio anche di un periodo di sospensione dell’attività balneare che può variare da un minino di un giorno a un massimo di tre giorni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA