Pesaro, l'omicidio è premeditato: Maria
uccisa dal marito dopo l'ennesimo "no"

L'omicidio è premeditato:
Maria uccisa dal marito
dopo l'ennesimo "no"
L'omicidio è premeditato:
Maria uccisa dal marito
dopo l'ennesimo "no"
di Luigi Benelli
PESARO - Un omicidio pianificato, nato da un rifiuto. Un rapporto finito che lui non accettava. Così ha ucciso la moglie e poi si è suicidato. Premeditato, perché si era portato con sé la corda con cui si è poi impiccato.
 
 


E’ la ricostruzione degli inquirenti sul caso dell’omicidio-suicidio avvenuta domenica in via Chiaramonti, all’angolo di via Bonini 102, a Santa Veneranda. Andrei Cegolea, 47 anni, moldavo, operaio in una ditta di mobili si è presentato a casa della moglie, Maria Cegolea, 42 anni, impegnata in una impresa di pulizia, intorno alle 12 di domenica.

Non risponde alle figlie: morta strangolata. L'ex marito trovato impiccato nel capanno

I due erano separati da circa un anno, ma ancora non avevano dato il via alle pratiche legali. Un rapporto difficile, in cui lei aveva confidato alle figlie e alle amiche il carattere violento di lui dovuto alla gelosia. Non erano mancate botte e schaffi. Ma la donna non aveva mai sporto denuncia. L’uomo tornava sempre a far visita alla figlia più piccola (15enne che viveva con la madre), ma proprio in questi giorni le due sorelle (la maggiore ha 23 anni) erano tornate in Moldavia per una vacanza.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
Scopri la promo
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 13 Agosto 2019, 09:51 - Ultimo aggiornamento: 09:51