La nuova Questura di Pesaro adesso corre: «Sarà pronta nel 2024. Investimenti per 15 milioni»

La nuova Questura di Pesaro adesso corre: «Sarà pronta nel 2024. Investimenti per 15 milioni»
La nuova Questura di Pesaro adesso corre: «Sarà pronta nel 2024. Investimenti per 15 milioni»
di Letizia Francesconi
5 Minuti di Lettura
Giovedì 7 Luglio 2022, 04:20

PESARO - «La nuova Questura di Pesaro negli spazi della caserma Cialdini-Del Monte, pronta entro il 2024 e l’investimento sarà di 15 milioni di euro». L’ha ripetuto più volte perché fosse chiaro, Alessandra Dal Verme dirigente dell’Agenzia del Demanio nel salone Metaurense della Prefettura con il ministro alla Difesa Lorenzo Guerini, la ministra all’Interno Luciana Lamorgese, collegata in videoconferenza, il sindaco Matteo Ricci e il prefetto Tommaso Ricciardi.

Dopo l’intervento istituzionale, a margine della firma della “storica intesa” dopo 25 anni di dibattiti, com’era prevedibile sindaco e direttrice del Demanio, sono stati bersagliati dalle domande dei giornalisti su tempi di realizzazione e utilizzo degli spazi, mentre il ministro Guerini, aveva già lasciato la Prefettura. 

I passi

«Faremo di tutto in accordo con il Ministero – rimarca la dirigente del Demanio – per far sì che questa città abbia la nuova sede che raggruppi tutti gli uffici della Questura. Stiamo già lavorando e richiedendo ai tecnici della Difesa, di aumentare la cubatura destinata». Il plauso: il ministro Guerini cita la stretta sinergia fra due Ministeri Interno e Difesa, senza la quale non sarebbe stato possibile rispondere alle esigenze degli Enti locali.«Con questo Protocollo, come altri ne sto firmando in giro per l’Italia – rimarca – si permette di migliorare la presenza delle pubbliche amministrazioni sui territori, razionalizzare il patrimonio pubblico statale e utilizzarlo per presidi di sicurezza e non. Anche io sono stato sindaco anni fa, e so cosa significa immaginare di rigenerare la propria città, utilizzando ogni spazio o contenitore, magari dismesso o non fruibile. Questo il senso che sta dietro alla firma dell’intesa. Intendiamo proseguire nell’interesse delle pubbliche amministrazioni con questo iter, liberando dalla riconversione del patrimonio pubblico immobiliare e statale, risorse poi da reinvestire». La conferma: una partita che si è chiusa in sei mesi fra contatti fitti e interconnessi con Ministeri da un lato ed Enti locali dall’altro, abilmente tenuta riservata dal prefetto Ricciardi. Lo ha spiegato prima di lasciare Pesaro la dirigente dell’Agenzia del Demanio.«Dal no alla sede dell’ex Intendenza di Finanza è partito un lavoro complesso – così risponde alle domande della stampa – per questo ho riunito i miei collaboratori con l’indicazione di trovare in sei mesi il nuovo sito ed entro il 2024 di avere fattivamente la Questura. Ora non mi si venga a dire, come ho letto perché i sindacati di polizia qua o i sindacati là: perché i soldi li abbiamo stanziati, il sito trovato in brevissimo tempo oltre ad una serie di interventi sul patrimonio pubblico, che dovremo chiudere entro il 2024. Questo è qualcosa di epocale. Dai sopralluoghi condotti nella Caserma Cialdini e negli spazi del 28esimo Reggimento Pavia, ci siamo resi conto di un complesso architettonico con grandi aree inutilizzate da decenni». Sono trascorsi però oltre cinque anni per arrivare alla soluzione definitiva suggellata dalla firma. 

La sinergia

«Per anni è mancata la giusta sinergia e il giusto approccio ad affrontare il problema con la città, con i ministri di allora e con la Soprintendenza ai Beni Culturali, che ha dato parere negativo molto tempo dopo all’ipotesi ex Intendenza per la mancanza di un giusto adeguamento sismico – così hanno ricordato sindaco e Agenzia del Demanio - una serie di fatti passati, che da ora devono cessare di esistere». Il progetto: purché l’esecutivo sia ancora da produrre e il Comune con i tecnici di Urbanistica e Nuove Opere, supporterà nei prossimi mesi il Ministero alla Difesa nel progetto finale, il trasferimento della Questura dal centro storico a via della Liberazione prevede più fasi di lavori. Stando alle conferme del Demanio e del ministro Guerini, per quattro anni l’Agenzia del Demanio lavorerà nella nostra città per tutta una serie di cantieri da avviare e completare.«Si inizierà con l’intervento alle tre palazzine del complesso Cialdini-Del Monte – precisa la dirigente Dal Verme – dentro l’area del 28esimo Reggimento, c’è un edificio con problemi strutturali da sistemare per poter permettere alla Caserma di essere pienamente operativa, oltre appunto alla rifunzionalizzazione delle due palazzine e lo spostamento della Questura». 

I numeri

Il Ministero della Difesa riconsegnerà all’Agenzia del Demanio due fabbricati di 4.000 mq circa all’interno della Caserma Cialdini, oltre a 7.000 mq circa di area scoperta per la Questura di Pesaro Urbino; l’Agenzia del Demanio, nel contempo, si occuperà di rifunzionalizzare 3 palazzine di 3.200 mq nella Caserma Del Monte in uso alla Difesa. La rifunzionalizzazione e il riuso delle caserme avrà un costo complessivo di circa 23 milioni di euro con tempistiche serrate che non dovranno superare i 4 anni. Per la creazione della nuova Questura con la ristrutturazione di due edifici militari si spenderanno 15 milioni di euro; per la sistemazione della caserma Del Monte 7,5 milioni, per il palazzo dell’ex Intendenza di finanza 9,5 milioni di euro, e per Rocca Costanza arriveranno 7,5 milioni di euro. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA