Bulli, minacce e violenze sugli autobus: messe sotto controllo le fermate del Campus

Bulli, minacce e violenze sugli autobus: messe sotto controllo le fermate del Campus
Bulli, minacce e violenze sugli autobus: messe sotto controllo le fermate del Campus
di Luigi Benelli
3 Minuti di Lettura
Domenica 14 Novembre 2021, 06:35

PESARO - Zona Campus e villa San Martino sotto la lente di ingrandimento dei controlli. Dopo la segnalazione dei sindacati in merito ad aggressioni e minacce al personale a bordo dei mezzi pubblici di linea (gli episodi riguardavano i conducenti del servizio autolinee Bucci consorziato in Adriabus), arriva una stretta per porre fine agli episodi. La Prefettura si è già confrontata con Adriabus e la volontà di tutti è quella di servizi mirati per controllare l’affollamento e soprattutto i bulli. Il prefetto Ricciardi ha fatto sapere infatti: «sensibilizzeremo le forze dell’ordine affinchè nelle ore di punta siano intensificati i controlli, partendo dalle segnalazioni ricevute. In passato la Prefettura ha già affrontato situazioni analoghe quindi sappiamo come procedere».

Comune volontà

Stessa volontà da parte di Adriabus che ha sottolineato: «Abbiamo intenzione di realizzare un incontro con la polizia locale di Pesaro per verificare l’efficacia degli interventi ed eventualmente prevedere un potenziamento degli stessi». Dunque polizia locale e forze dell’ordine pronte a intervenire sui casi segnalati, soprattutto sulle linee Verdi. Le segnalazioni riguardano Urbino, la tratta Pesaro-Montecchio e poi quella del trasporto scolastico, in partenza dal Campus, lato Villa San Martino a fine lezioni. E’ soprattutto la zona del Campus scolastico che è stata subito monitorata, con i vertici Adriabus che hanno verificato gli assembramenti di via D’Arezzo riscontrando come la presenza degli studenti sia numericamente consistente. Si vigilerà anche per la linea con fermata al centro commerciale Rossini Center, dopo le 19. Sul caso intervengono anche i consiglieri regionali. Andrea Biancani (Pd) e Marta Ruggeri (5 Stelle) esprimono «vicinanza e solidarietà agli autisti». Per Biancani «comportamenti irresponsabili che mettono a rischio la loro sicurezza e quella degli altri passeggeri. Mi auguro che la loro richiesta di aiuto venga ascoltata, individuando in tempi rapidi gli autori di questi gesti violenti e ripristinando le condizioni per poter lavorare serenamente. Forse ai responsabili di queste azioni varrebbe la pena ricordare che questi lavoratori svolgono un servizio pubblico fondamentale per la comunità, in primis per gli studenti. Ma ho fiducia anche nei giovani perchè ritengo che chi vessa gli autisti sia comunque una esigua minoranza». Per Ruggeri «gli autisti sono, come il personale medico e infermieristico del pronto soccorso, in prima linea rispetto a forme sempre più diffuse di disagio, soprattutto giovanile. Auspico quindi che si individuino le giuste soluzioni per garantire più rispetto e più sicurezza ai conducenti».

© RIPRODUZIONE RISERVATA