«Ciao mamma»: il saluto bluff dei ladri per svaligiare le case senza insospettire. Ecco i colpi messi a segno nelle ultime ore

«Ciao mamma»: il saluto bluff dei ladri per svaligiare le case senza insospettire. Ecco i colpi messi a segno nelle ultime ore
«Ciao mamma»: il saluto bluff dei ladri per svaligiare le case senza insospettire. Ecco i colpi messi a segno nelle ultime ore
3 Minuti di Lettura
Martedì 3 Maggio 2022, 06:40

PESARO  - Ladri all’opera nella domenica del Primo Maggio approfittando della giornata festiva con la gente fuori per le tradizionali scampagnate. E così in città sono stati segnalati e denunciati diversi tentativi di furto e anche colpi andati a segno, in varie parti della città.

 

I furti che sono stati consumati sono avventi in strada Ponte Valle nella zona di Santa Veneranda più o meno all’ora di cena. Qui i ladri sono entrati in tre abitazioni vicine tra loro. Hanno forzato il portone e hanno rovistato all’interno degli appartamenti approfittando dell’assenza dei proprietari. Complessivamente sono stati rubati 2500 euro tra monili d’oro e altri preziosi. La particolarità è che un vicino ha visto quattro persone, a lui sconosciute, in un giardino e ha chiesto loro chi fossero. Ma per tutta risposta i quattro hanno fatto finta di salutare dei parenti. «Ciao zia, ciao mamma».

Così hanno dissimulato le loro vere intenzioni, ma poco dopo si è scoperto del furto. Tentativo andato a vuoto invece in strada Tresole, non lontano da Ponte Valle, dove i malviventi hanno cercato di forzare un infisso di una portafinestra ma qui è scattato l’allarme che ha messo in fuga i ladri. Altro tentativo in via Rossi, nel quartiere Pantano, dove hanno rotto una finestra ma non sono riusciti a entrare e infine tentato colpo nella notte a cavallo tra domenica e lunedì al Bar Claudia in Strada della Romagna. Intorno alle due la proprietaria che abita sopra l’esercizio ha sento i rumori della serranda che si alzava, si è affacciata e con delle grida ha messo in fuga i malviventi. Sul caso indagano i carabinieri che stanno anche cercando di unire i punti per capire se si possa trattare di una stessa batteria di ladri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA