Invia una foto nuda per il "sortilegio d'amore": il sedicente fattucchiere la ricatta via Whatsapp dal Benin

Invia una foto nuda per il "sortilegio d'amore": il sedicente fattucchiere la ricatta via Whatsapp dal Benin
Invia una foto nuda per il "sortilegio d'amore": il sedicente fattucchiere la ricatta via Whatsapp dal Benin
di Luigi Benelli
3 Minuti di Lettura
Giovedì 2 Giugno 2022, 03:55 - Ultimo aggiornamento: 3 Giugno, 08:38

PESATO - Rituali e legamenti d’amore con estorsione. È la storia di una pesarese di 40 anni finita vittima di un raggiro che toccava le corde dei sentimenti e l’amore che tuttora prova per l’ex fidanzato. La donna è stata contattata via whatsapp da un numero esotico. L’utenza iniziava con il prefisso +229. E il tenore del messaggio era più o meno questo. “Hai bisogno di una consulenza d’amore?”. La ragazza ha risposto ed è iniziata la chat, così dall’altra parte sono arrivati suggerimenti e divinazioni. Il tutto corrispondendo a risposta piccole somme come 30 o 40 euro spedite tramite carte prepagate e ricaricabili. 

L’approccio

La donna si è aperta e ha iniziato a confidarsi citando l’ex fidanzato. Così dal Benin (lo stato africano a cui corrispondeva il prefisso)le hanno proposto di praticare un legamento d’amore. Un rituale dall’esito infallibile e che le avrebbe riportato subito la persona amata. Dai consigli si è passati in pratica a incantesimi esoterici a cavallo tra pseudo magia e cialtroneria necessari per fare in modo che l’ex fidanzato potesse riavvicinarsi. Non c’è da stupirsi. Online, e non solo, è pieno di annunci di sedicenti maghi/maghesse, fattucchiere/stregoni che sanno come approfittare di persone che si trovano emotivamente e sentimentalmente in difficoltà. Nello specifico chi proponeva il sortilegio per il ritorno dell’innamorato perduto sosteneva che «scegliere un rituale è la soluzione perfetta in caso di tradimento o di separazione».

Ideale anche per essere raggirati. Ed è arrivata la truffa che non si è limitata solo a chiedere denaro per consulti e promesse. Dal Benin hanno chiesto una cosa molto particolare: «Mi devi mandare una tua foto nuda affinchè il legamento possa funzionare bene». Così la donna ha inviato lo scatto, ma poco dopo è cambiato il tono della conversazione. «Se non ci mandi 1500 euro faremo girare online la foto». E per far vedere che erano seri e malintenzionati quella immagine è stata inviata all’ex fidanzato. Il corto circuito si è innestato e la donna disperata si è rivolta alla questura di Pesaro per denunciare il tutto. L’utenza del Benin è ovviamente sparita e ora si indaga contro ignoti per tentata estorsione. Non sarà facile trovare gli apprendisti stregoni & co, ma si può sempre mettere sull’avviso chi è tentato dal provare a pagamento l’assortimento di riti magici per lenire il mal d’amore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA