Lite in strada tra ragazzini per un debito di 50 euro, spunta anche un coltello: 19enne denunciato

Pesaro, lite in strada tra ragazzini per un debito di 50 euro, spunta anche un coltello: 19enne denunciato
Pesaro, lite in strada tra ragazzini per un debito di 50 euro, spunta anche un coltello: 19enne denunciato
di Luigi Benelli
3 Minuti di Lettura
Giovedì 24 Dicembre 2020, 06:35

PESARO - Una lite in strada tra ragazzi, tutti neo maggiorenni. Poi le minacce e il taglierino puntato contro un coetaneo. Il fatto è accaduto martedì sera e i carabinieri di Pesaro, dopo una attenta ricostruzione, nella giornata di ieri hanno denunciato un 19enne.

Alcuni residenti di via Grazioli, nella zona del parco Trulla, a Pantano, hanno segnalato uno scontro acceso tra dei ragazzi. Sul posto sono intervenuti i carabinieri ma molti di loro si erano già allontanati.

Un fuggi fuggi generale dopo una rissa sfiorata, qualche parola di troppo e non solo. I militari hanno rintracciato i protagonisti e iniziato ad ascoltare i ragazzi uno per uno finché passo dopo passo, testimonianza dopo testimonianza, si è arrivati alla ricostruzione dei fatti. In pratica un 19enne di origini siciliane doveva avere dei soldi da un coetaneo, di origini peruviane, ma residente da tempo a Pesaro. Per questo debito di 50 euro, non sono ancora chiari i motivi per cui è stato contratto, è iniziato un diverbio. Un tira molla e qualche parola di troppo finchè il 19enne ha tirato fuori un taglierino e ha iniziato a minacciare l’altro ragazzo. «Se non mi ridai i soldi ti taglio la gola». Parole pesanti e gravi tanto che gli altri giovani presenti sono intervenuti per allontanare i due ed evitare il peggio. Qui sarebbero volati anche spintoni, un principio di rissa finito come una scintilla, prima della fuga dei maggiorenni. I carabinieri hanno rintracciato il 19enne con elementi sufficienti per poterlo mettere alle strette e addebitargli le sue responsabilità. Il ragazzo è stato quindi denunciato per minacce nei confronti del coetaneo e porto abusivo di oggetti atti ad offendere. Ancora ragazzini protagonisti, la settimana scorsa la squadra mobile della questura di Pesaro ha arrestato due ragazzi di 18 anni, accusati di aver commesso 5 furti in negozi a Pesaro. L’indagine è partita in seguito a una serie di furti avvenuti tra agosto e novembre. Gli investigatori avevano stretto il cerchio su due ragazzi, uno di origini tunisine. Erano stati incastrati grazie alle immagini di videosorveglianza. E ancora in piazza Redi la polizia locale ha rintracciato i genitori di minorenni protagonisti di bravate, bidoni incendiati e piccoli furti. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA