«Ubriaco mi ha aggredito per fare sesso» e ferisce il compagno con un coccio

Venerdì 13 Agosto 2021
«Ubriaco mi ha aggredito per fare sesso» e ferisce il compagno con un coccio

PESARO - Liti tra coppie senza soluzione di continuità e anche una donna che voleva farla finita. Notte piena per le pattuglie della squadra volanti della Polizia di Pesaro, complice anche l’afa e le alte temperature che rendono particolarmente irritabili. Il primo intervento è stato a seguito della chiamata d’allarme di una donna che ha allertato la Questura in quanto l’amica aveva minacciato di farla finita tramite un messaggio WhatsApp.

  

L’allarme

I poliziotti sono corsi nell’abitazione della donna, a Pesaro, hanno suonato ma non ha risposto nessuno. Così hanno forzato la porta e hanno trovato la donna in stato confusionale che aveva assunto numerose pasticche di psicofarmaci. È stato chiamato il 118 e la donna è stata affidata alle cure dei medici oltre che al consulto di uno psichiatra. Serata complicata perché i poliziotti sono intervenuti anche per due liti tra coppie. Nel primo caso i vicini hanno allertato la polizia a seguito delle urla. Ma tutto si sarebbe chiuso di lì a poco, nessun ferito. Da registrare solo una spinta. Altro caso, più grave per una coppia già nota per liti importanti, entrambi italiani tra i 35 e i 40 anni. L’ultima volta a febbraio, quando lei aveva ferito il compagno con una coltellata alla mano, tanto che era dovuto ricorrere alle cure del pronto soccorso.

Le versioni

Questa volta gli è andata persino peggio. I poliziotti sono arrivati in casa e lei, in evidente stato di ebbrezza, ha detto che lui l’aveva aggredita per consumare un rapporto sessuale tutt’altro che consenziente. Lui si è difeso dicendo che lei era in preda ai fumi dell’alcol e quest’accusa non era affatto vera. Fatto sta che sono volate urla, insulti e piatti e la donna, con un coccio rotto, ha ferito il compagno alla spalla. Grondante di sangue è finito in pronto soccorso per suturare la ferita. Ha avuto una prognosi di 15 giorni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA