Il ladro seriale faceva anche spostamenti: l’elenco dei furti messi a segno in scooter si allunga

Domenica 29 Novembre 2020 di Simonetta Marfoglia
Il ladro seriale faceva anche spostamenti: l’elenco dei furti messi a segno in scooter si allunga

PESARO  - Il 40enne arrestato per furto dalla polizia dopo inseguimento non era solo un ladro seriale ma anche pendolare muovendosi in scooter nella notte da Fano a Pesaro e ritorno, riservando la cautela a itinerari alternativi per tenersi alla larga da prevedibili posti di controllo sulla statale 16 causa coprifuoco

LEGGI ANCHE:

Viola il coprifuoco per ubriacarsi da un'amica, al ritorno finisce fuori strada: denuncia e maxi multa

 
L’uomo, ufficialmente disoccupato, è sospettato di oltre 20 colpi soltanto a Pesaro ma gli investigatori ritengono che l’elenco possa facilmente allungarsi arrivando a contestargli almeno altro 10 colpi, questi ultimi sul versante fanese. Potrebbe essere lui l’autore del raid che qualche notte fa ha portato subbuglio a Fano in centro storico, con numerosi furti tra tentati e riusciti scoperti e denunciati. Non è tanto l’entità del bottino a far flettere la bilancia delle responsabilità penali quanto la metodicità del modus operandi, l’allarme sociale fatto serpeggiare nelle notti dove sulla carta all’esterno ci dovrebbe essere solo deserto o quasi, e i danni provocati alle attività prese di mira con la tattica del mordi e fuggi, ovvero colpi in serie e sistematici.

Giusto per dire, la notte dell’arresto, dopo un inseguimento da Villa San Martino a Pantano, l’uomo aveva già messo a segno almeno quattro colpi, e forse cinque. Segno che se si muoveva lo faceva sulla quantità puntando ai fondi cassa delle attività che prendeva di mira: dai negozi, ai parrucchieri, alle rivendite, agli esercizi pubblici. Ormai da diverse settimane, al mattino successivo, immancabilmente, a carabinieri e polizia giungevano le denunce per i colpi notturni. Non possedendo auto si spostava agilmente con lo scooter e si propende che agisse da solo senza eventuali complici.

Restando in tema di coprifuoco l’altra sera una pattuglia della squadra volante è intervenuta in centro in via Barignani per dirimere una lite scoppiata tra una coppia che rischiava di degenerare.

 

Ultimo aggiornamento: 11:42 © RIPRODUZIONE RISERVATA