L’infermiere lo trovi in parrocchia: dieci specialisti volontari al lavoro. Ecco dove una postazione è già attiva

L infermiere lo trovi in parrocchia: dieci specialisti volontari al lavoro. Ecco dove una postazione è già attiva
L’infermiere lo trovi in parrocchia: dieci specialisti volontari al lavoro. Ecco dove una postazione è già attiva
di Miléna Bonaparte
4 Minuti di Lettura
Sabato 5 Novembre 2022, 06:20

PESARO -  Da tesi di laurea a sportello per la salute e il benessere della comunità. Non capita tutti i giorni che una ricerca universitaria, ancor prima di essere discussa e pubblicata diventi già un servizio rivolto a famiglie, giovani e anziani. 

 
La nuova figura
L’infermiere di parrocchia che ha aperto a Villa Fastiggi nasce infatti da una ricerca scientifica alla quale ha dato gambe un gruppo di professionisti volontari. Ma c’è di più. Si tratta infatti di una inedita sperimentazione arrivata dagli Stati Uniti che Flavia Masini, 26 anni, laureanda all‘Università politecnica delle Marche (facoltà di Medicina e chirurgia, corso di laurea innfermieristica) ha studiato e, insieme alla sua relatrice, la dottoressa Emilia Prospero, docente universitaria e medico pesarese, ha proposto a don Enrico Giorgini, sacerdote di San Pietro in Calibano. Lo sportello è attivo due volte alla settimana in parrocchia, lunedì dalle 9 alle 11 e mercoledì dalle 16,30 alle 18,30, con uffici al centro di ascolto della Caritas diocesana, in strada Madonna del Monte. 


Le pioniere
Apripista dell’infermiere di parrocchia sono quattro signore impegnate nella sanità: insieme alla ideatrice del progetto Flavia Masini, Eleonora Righi, paramedico, la dottoressa Rita Cecchini e Sara Andreoni, coordinatrice del sevizio. Piccoli interventi sanitari, come la misurazione della pressione arteriosa, un aiuto a prenotare online le visite e gli esami medici, le informazioni utili sugli screening gratuiti, l’educazione a stili di vita sani, la prevenzione delle malattie, gli eventi e le conferenze. Ecco le principali iniziative che offre l’infermiere di parrocchia. 


Il servizio
«Un servizio innovativo - spiega la laureanda - la cui apertura risale a fine marzo, ma ora siamo a pieno regime, abbiamo qualificato infatti lo sportello grazie all’attenzione ricevuta da parte di alcune figure professionali che si sono fatte avanti. Ora vi operano 10 volontari a rotazione, di cui 8 infermieri e 2 medici». L’infermiere di parrocchia è una figura anglosassone: «Non è presente nella letteratura scientifica in Italia - precisa Flavia - una novità che arriva dagli Stati Uniti per un dialogo con le parrocchie. Quella di Villa Fastiggi è la prima sperimentazione. Grazie anche alla lungimiranza di don Enrico Giorgini che ci ha dato la possibilità di realizzare questo centro di volontariato. Naturalmente è tutto gratuito. Sia chiaro, non siamo un ambulatorio, non offriamo servizi sanitari in senso stretto, quindi niente prelievi, iniezioni, cateteri, medicazioni e altri interventi invasivi che richiedono protocolli da rispettare». Allo sportello ci si può rivolgere per la «misurazione dalla pressione arteriosa - sottolinea la ideatrice del progetto - attraverso la telemedicina facciamo prenotazioni digitali di visite ed esami, ma soprattutto diamo informazioni, stabilendo contatti con enti e associazioni. 
Il sostegno
«Vogliamo offrire una mappa dei servizi territoriali per i cittadini. Il nostro obiettivo è dare vita a una rete di solidarietà, per conoscere l’offerta sanitaria, le vaccinazioni e gli screening gratuiti, dai test ginecologici, alla prevenzione dei tumori. Organizziamo infine incontri teorici e pratici con medici specialisti sulla educazione alla salute, come la rianimazione cardio polmonare, l’alimentazione e le emozioni, e insieme a ”Tutti i cuori di Rossana” faremo prevenzione intergenerazionale rivolta a nonni e nipoti insieme». 
Flavia Masini discuterà la sua tesi il 24 novembre nella sede del corso di laurea del polo di Infermieristico, all’Ospedale di Muraglia. Per informazioni infermierediparrocchia@gmail.com, 328 4215099 e i profili social. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA