La Finanza sequestra 20mila articoli non sicuri: multe salate per gli esercenti pizzicati

La Finanza sequestra 20mila articoli non sicuri: multe salate per gli esercenti pizzicati
La Finanza sequestra 20mila articoli non sicuri: multe salate per gli esercenti pizzicati
2 Minuti di Lettura
Lunedì 18 Luglio 2022, 10:20 - Ultimo aggiornamento: 19 Luglio, 09:26

PESARO  -  La Guardia di finanza di Pesaro sequestra oltre 20mila articoli non sicuri e potenzialmente dannosi per la salute. Nell’ambito di un più ampio piano di intensificazione dei controlli del territorio, disposto dal comando Provinciale di Pesaro,  sono stati  sottoposti a sequestro oltre 20.000 articoli commercializzati, in violazione del Codice del Consumo e della normativa in materia di sicurezza prodotti. In particolare, è stato eseguito un controllo presso un esercizio commerciale, gestito da soggetti extracomunitari, dove sono stati rinvenuti prodotti di chincaglieria e bigiotteria privi delle dovute indicazioni di provenienza, delle istruzioni per l’utilizzo, delle avvertenze di sicurezza e della composizione merceologica.

Le indicazioni sono difatti obbligatorie, in quanto, oltre ad attestare la conformità dei prodotti agli standard di sicurezza dell’Unione Europea e nazionali, garantiscono che il prodotto non sia stato fabbricato con sostanze che possano rivelarsi dannose per la salute. I prodotti posti in vendita, di valore commerciale complessivo di oltre 20.000 euro, sono stati dunque sequestrati e ritirati dal mercato ed i relativi responsabili sono stati segnalati alla Camera di Commercio competente per la definizione delle sanzioni amministrative contestate, che prevedono sanzioni pecuniarie anche fino a 25.800 euro. L’operazione condotta testimonia il costante impegno della Guardia di Finanza nel settore del contrasto agli illeciti economico-finanziari, connessi alla commercializzazione di prodotti non sicuri, al fine di tutelare la salute e la sicurezza dei cittadini e salvaguardare la libera concorrenza tra gli operatori del mercato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA