Pesaro, filo teso come una trappola
sulla pista ciclabile: ragazzino cade

Giovedì 22 Agosto 2019 di Thomas Delbianco

PESARO - Un filo da pesca che taglia la ciclabile in più punti e a diverse altezze, girato sui pali della luce e fissato a terra con dei picchetti. Un gesto sconsiderato di puro vandalismo, che poteva costare caro ad un ragazzino in bicicletta e a due pesaresi sui pattini che martedì sera si sono trovati a passare lungo l'itinerario ciclo-pedonale che si snoda all'interno del campus scolastico delle Cinque Torri.

Fioriere abbattute come birilli: i vandali "catturati" dalle telecamere

Erano circa le undici di sera. Il primo ad avere una brutta sorpresa con quel filo trasparente, impossibile da vedere a occhio nudo, ancor di più di notte, è stato un ragazzino in bicicletta, che è caduto a terra, a causa dello spago che si è impigliato nella ruota all'altezza del freno. Ieri poi il padre del giovane si è recato dalle forze dell'ordine per denunciare l'accaduto.
 
«Poco dopo siamo passati noi – raccomta Adamo Gasparini, che insieme ad un amico stavano pattinando nella zona delle Cinque Torri, di ritorno da Fano – Subito dopo aver imboccato la ciclabile interna del campus, abbiamo sentito le voci di alcuni ragazzini che ci dicevano di fermarci perchè c'era un filo sul percorso. Ci siamo bloccati giusto in tempo, il filo era a pochi millimetri da noi, se lo avessimo colpito, saremmo caduti a terra, facendoci parecchio male». Nel frattempo, quei ragazzi intervenuti per aiutare il giovane ciclista a rialzarsi, avevano iniziato a rimuovere una parte dei filo, che faceva zig zag sulla ciclabile, ma una linea, ad altezza gambe, era ancora rimasta lì, tanto che avrebbe potuto colpire i due pesaresi sui pattini. Fortunatamente stanno tutti bene, ma le conseguenze fisiche potevano essere ben più gravi per tutti. L'accaduto è stato riportato dagli interessati anche sui social, e i commenti di sdegno per questo vandalismo, così come di solidarietà per le persone che sono state vittima del gesto da incoscienti, sono stati innumerevoli. Non è la prima volta a Pesaro che si verificano situazioni simili, con bravate, spesso dettate dalla noia e dalla voglia di divertirsi in maniera stupida, che hanno messo a repentaglio l'incolumità delle persone. Due estati fa, nel luglio 2017, erano avvenuti una serie di episodi in zona mare: in quel caso erano state segnalate dalle forze dell'ordine bande di ragazzini, giovanissimi, impegnate in un’escalation di trappole e goliardate. Due signore di ritorno da un locale della zona mare, camminando su un marciapiede di una traversa di viale Trieste, via Leonardo Da Vinci, erano state colpite da due gavettoni. Due “bombe”. Due palloncini gonfiati a hoc ed esplosi contro la coppia di amiche. Peccato che all’interno non c’era acqua, ma una sostanza viscida, uova mescolate ad altro. Una di loro era stata colpita a una spalla, l’altra in pieno volto. Tanto che le bruciavano gli occhi ed era dovuta andare al pronto soccorso. Altro episodio: un motociclista percorrendo di notte viale Cesare Battisti in moto ad un certo punto aveva avvertito un impatto sul casco e si era sentito fortemente tirare nel collo. Per fortuna era riuscito a restare in sella alla moto e a fermarsi, ma era molto spaventato. In pratica si era trovato avvolto al collo una lunga striscia di scotch, che evidentemente era stato teso da albero ad albero. Una sorta di trappola-ghigliottina che avrebbe potuto portare a serie conseguenze nel caso di una caduta.

Ultimo aggiornamento: 10:42 © RIPRODUZIONE RISERVATA